Il Mondo Giovane sconfitto nettamente dal Città di Spadafora

Mondo Giovane-AzzurraUna fase della sfida tra Mondo Giovane ed Azzurra

La trasferta di Spadafora, la prima della stagione nel campionato di serie D, non regala punti al Mondo Giovane. La formazione di mister Capillo non riesce a dare seguito alla prestazione del vittorioso debutto e si deve arrendere per 3 a 0 alle padrone di casa del Città di Spadafora. Successo netto quello ottenuto dalla squadra tirrenica che ha saputo meglio interpretare l’incontro, tenendo sempre in mano il pallino del gioco per tutti i tre set.

Mondo Giovane Serie D FemminileDi contro il Mondo Giovane è apparso meno brillante rispetto alla settimana precedente, poco attento sia in fase di copertura che nella riproposizione del gioco in attacco. Di fatto le biancoazzurre sono rimaste avulse dal gioco, costrette sempre a inseguire le avversarie nel punteggio ma con idee poco chiare. L’unico sussulto in avvio del terzo set quando il Mondo Giovane si porta avanti 7 a 2 e riesce ad essere più propositivo. Poi Villafranca, complice anche i cambi operati dal tecnico Fagnani e qualche errore di troppo delle messinesi, riprende in mano l’inerzia e si riporta avanti nel punteggio per poi resistere alla poco convinta replica del Mondo Giovane. Finisce 25 a 19 il set in favore del Città di Spadafora che in precedenza si era assicurato gli altri due (25-12 e 25-18) senza particolari difficoltà, in parte agevolate nel loro compito dalla giornata di scarsa ispirazione delle avversarie.

Una battuta d’arresto che non cambia le prospettive del Mondo Giovane ma che dovrà servire da lezione per il proseguo del campionato sulla necessità di mantenere sempre ben alto il livello di guardia, in un torneo di serie D alquanto equilibrato sul piano dei valori.

Libertas Città di Spadafora – Mondo Giovane 3-0
(Progressione Set: 25-12, 25-18, 25-19)
Mondo Giovane: Currò (L), Oteri, Barbaro, Grillone, Lanzafame, De Luca, Vento, Bruno A, Bruno M, Basile, Celesti, Finanze. All. Nino Capillo
Arbitro: Erika Burrascano.

Commenta su Facebook

commenti