Modica: “Decisivi due episodi molto discutibili. Non abbiamo però giocato da Messina”

Giacomo Modica davanti alla sua panchina (foto La Macchia)

Dopo la sconfitta per 2-0 a Vibo che sa di definitivo addio ai playoff il tecnico giallorosso Giacomo Modica è stato molto schietto nella sua analisi ai microfoni di Radio Amore: “Due episodi ci hanno tagliato le gambe, anche se abbiamo giocato al di sotto delle nostre qualità e la Vibonese è una signora squadra. E’ diventata difficile dopo un rigore molto discutibile con il giocatore che era girato al contrario e l’espulsione di Bossa che è scivolato sul pallone. Nemmeno giocando 12 ore di fila avremmo potuto fare qualcosa d’importante, ci sono state situazioni molte strane ed episodi chiari, senza nulla togliere alla Vibonese ed ai suoi meriti. Noi, però, non abbiamo giocato da Messina e non cerco giustificazioni”.

Modica

Modica dà indicazioni dalla panchina

“Abbiamo dovuto cambiare per gli under – spiega Modica relativamente all’undici iniziale – stravolgendo l’impostazione di base della squadra senza Lia, tenendo in attacco Rosafio e Ragosta e dovendo mettere un ’99. Inoltre Yeboah in settimana era stato poco bene”.

Sulla direzione di gara, poi, l’allenatore del Messina aggiunge in maniera pepata: “In una partita intera abbiamo ricevuto solo tre punizioni. Al di là di questo non abbiamo fatto una buona prestazione e credo che il risultato alla fine sia giusto. Se la Vibonese non perde da 22 partite c’è una ragione. Noi siamo stati poco incisivi e molto macchinosi. Mancano solo otto partite alla fine dal campionato e nel girone di ritorno abbiamo avuto soltanto un rigore a favore, pur giocando tanto in fase offensiva. Questo mi sorprende. Non dobbiamo mollare però nulla sino al 6 maggio. Chi veste questa maglia deve sapere che ha un sapore speciale”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti