Milazzo, tanti colpi per essere protagonisti. Cappello e Filistad tra i nuovi

Alberto CappelloAlberto Cappello, qui con la fascia da capitano del Camaro (foto Isolino)

Qualche conferma, ma anche molti innesti di qualità ed esperienza per puntare in alto. Il nuovo Milazzo di Michele Cataldi sta prendendo forma pian piano. La società guidata da Salvatore Velardo non ha nessuna intenzione di piangersi addosso per via del mancato ripescaggio in Serie D, confermando quei propositi più volte annunciati dalla dirigenza.

La compagine mamertina, dunque, ripartirà dall’Eccellenza, ma con il chiaro obiettivo di essere competitiva, lottare per le posizioni nobili della classifica, magari tentando di conquistare sul campo la tanto agognata quarta serie. In questi giorni, sul terreno di gioco del “Marco Salmeri”, il Milazzo sta preparando la nuova stagione e il mister rossoblù può già contare su autentiche garanzie per la categoria.

Piero La Spada

Piero La Spada firma per l’Asd Milazzo

La dirigenza milazzese non si è fatta scappare alcune opportunità nate dalla mancata partecipazione del Camaro al prossimo torneo. A guidare la schiera degli ex neroverdi è Alberto Cappello, da molti ritenuto un lusso per la categoria, senza dimenticare il centrocampista Giovanni Arena e gli esterni offensivi Giovanni Ginagò e Giuseppe De Marco. In difesa Manuel Mannino, l’ex bandiera dello Sporting Taormina, Fabrizio Filistad e il ritorno di Stefano Tricamo, sembrano garantire la giusta esperienza  a tutto il reparto. Tra i confermati spiccano i nomi di Sebastian Caldore, Antonino Lo Monaco e Fabio Presti.

Milazzo

Il Milazzo celebra una rete

Di seguito la lista dei 21 giocatori sin qui tesserati dal Milazzo: Filistad Fabrizio, Caldore Sebastian, Lo Monaco Antonino, Rotella Simone, Cappello Antonio, Tricamo Stefano, Salifou Moussa Mahamodou, Mannino Manuel, Arena Giovanni, Cava Andrea, Presti Fabio, Di Stefano Alessio, Freni Giovanni, Moka Tea, Stragliotto Stefano, Ginagó Giovanni, De Marco Giovanni, Mancuso Santi, Borelli Francesco.

Commenta su Facebook

commenti