Il ritorno di Laquidara: “Ritrovo tanti amici ed aiuto il mio Milazzo”

Antonio LaquidaraAntonio Laquidara

È tornato per dare una mano al suo Milazzo, perché per Antonio Laquidara il rosso e il blu non sono colori come gli altri. Gli mancava il calcio a certi livelli: la prima categoria è meno impegnativa ma allo stesso tempo meno stimolante. Quindi non appena si è paventata l’occasione di tornare al Milazzo, l’ha colta al volo: “Sono a disposizione del mister già per domenica, spero di avere una chance – sottolinea – Ho ritrovato un bel gruppo formato da ragazzi che conoscevo già da prima e che considero amici. So benissimo quali sono le qualità umane e tecniche dei vari Simone D’Arrigo, Agostino Di Dio, Mauro Simoni e Peppe Aloe.  Naturalmente questo ha influito tanto nella mia scelta: il calcio a questi livelli mi mancava tanto, ho preferito il Milazzo per restare a casa ed aiutare la squadra della mia città”.

Antonio Laquidara

Laquidara, volto nuovo del Milazzo

Volti nuovi sul campo, una novità invece in panchina. “Mister Alacqua? Lo conoscevo come avversario, è un tecnico molto preparato ed attento ai particolari, sono convinto di poter crescere molto con lui”. Esterno sinistro polivalente, è in grado di ricoprire diversi ruoli, sia in difesa che a centrocampo. Ma prima di tutto viene la voglia di giocare: “Il tecnico mi ha chiesto di dargli una mano ed io sono a completa disposizione sua e della squadra – aggiunge ancora Laquidara – Lui tecnicamente mi sta conoscendo adesso, vedremo quale sarà la posizione in campo che riterrà più adatta alle mie caratteristiche”. 

Domenica un match da non sbagliare contro l’Atletico Catania: “Si è rafforzata con un giocatore di categoria superiore come Giorgio Coronaha commentato – E’ una partita pericolosa perché sulla carta quelli che abbiamo tutto da perdere siamo noi. Purtroppo in questo campionato partite già scritte non ce ne sono: ho visto di presenza il match con il Forza Calcio Messina che tutti davano per scontato, invece il Milazzo ha rischiato seriamente di perdere. In altre occasioni ho assistito da tifoso ad altre gare, posso dire che questa squadra ha un potenziale migliore rispetto a quanto non dica la classifica”.

Commenta su Facebook

commenti