Messina, voglia di tris. Anche Ionut è pronto per la sfida con il Melfi

ACR MessinaFornito corre dopo il gol

Dopo il blitz di Rieti grazie al bolide di Ionut e l’esaltante successo per 3-2 sul Foggia il Messina sogna il tris. Un filotto già riuscito all’andata, tra la sesta e l’ottava giornata (battendo nell’ordine Matera, Andria e Lupa Castelli), che all’epoca consentì ai giallorossi di balzare al comando della classifica.

Lello Di Napoli

Lello Di Napoli

Adesso settimi ed a quota 37 i peloritani vogliono definitivamente archiviare la pratica salvezza, approfittando di un’altra ghiotta chance offerta dal calendario. Al “Franco Scoglio”, nel secondo appuntamento casalingo consecutivo (sabato in campo alle 14), sarà infatti di scena il pericolante Melfi, in piena zona playout e beffato nelle ultime due sfide da Lecce e Martina, entrambe capaci di siglare l’1-1 ai danni dei lucani praticamente allo scadere. Mancherà lo squalificato Giorgione, assenza pesante per l’economia del gioco e soprattutto in termini di carisma. Privo del capitano Lello Di Napoli si affiderà a Giuseppe Russo insieme a Fornito e Baccolo nel terzetto di centrocampo. In difesa, davanti a Berardi, potrebbe agire il quartetto composto da Ionut, Martinelli, De Vito e Zanini. Il romeno, autentica sorpresa delle ultime settimane, ha infatti pienamente superato l’affaticamento muscolare che lo ha costretto a svolgere in settimana lavoro differenziato ed è apparso davvero in palla nel corso della seduta di rifinitura. Sicuro il forfait di Burzigotti, infortunatosi al piede destro. In avanti scontata la conferma del tridente offensivo con Gustavo, Tavares e Scardina.

Scardina ci prova di testa

Scardina ci prova di testa

Barisic è ancora out, mentre le note liete dall’infermeria giungono dai rientri di Padulano e Bramati, oltre che dai miglioramenti di Cocuzza. I tre sono stati inseriti nell’elenco dei convocati anche per tornare a respirare il clima partita. L’imperativo sarà non lasciarsi sfuggire l’occasione di cogliere la settima affermazione interna del torneo e soprattutto di non farsi distrarre dall’imminente derby con il Catania, previsto già giovedì prossimo al “Massimino”. Il Melfi dell’ex Silvestri, il quale dovrebbe partire dalla panchina, nonostante i recenti progressi si trova a -3 dalla zona salvezza e lontano da casa ha vinto soltanto una volta, a dicembre sul terreno dell’Akragas, collezionando appena otto punti nelle sfide in trasferta. Il Messina deve però evitare cali di tensione per puntare ad un finale di stagione nel quale divertirsi, chiudendo il più in alto possibile.

The following two tabs change content below.