Il Messina vicinissimo al difensore Mirko Stefani. L’Arezzo lo ha già sostituito

Dovrebbe essere Mirko Stefani il nuovo centrale difensivo del Messina, che mira a completare un reparto giovanissimo, nel quale su nove elementi in organico il più “anziano” è attualmente il 24enne Enrico Pepe. Con tanti under in rosa i peloritani non hanno problemi di età media e quindi un maggiore tasso di esperienza potrebbe essere garantito dal 30enne, originario del centro trentino di Borgo Valsugana (7.000 anime).

Mirko Stefani con la divisa della Reggiana

Mirko Stefani con la divisa della Reggiana

Dopo ben dieci stagioni consecutive tra C1 e C2, Stefani a giugno è approdato ad Arezzo, alla corte del vulcanico Capuano. L’estate in Toscana è stata però piuttosto turbolenta, per via di un ripescaggio in Lega Pro che appariva possibile ma è poi sfumato dopo che la società si è tirata indietro. Ovvia la delusione di una piazza che fino a qualche anno fa si era abituata a categorie maggiori. I malumori dei tifosi sono stati alimentati anche dagli addii del direttore generale Danilo Pagni e dei due brasiliani tesserati in precedenza: l’esterno offensivo Robson Toledo, ex Catanzaro, ed il difensore centrale Fabiano Medina da Silva, ex Lecce.

Adesso sembra il turno di Mirco Stefani, che non avrebbe peraltro un grande feeling con il tecnico Eziolino Capuano: un particolare curioso, dal momento che già lo scorso gennaio il Messina si assicurò un calciatore che con l’allenatore campano secondo indiscrezioni non era riuscito ad instaurare un rapporto ottimale, ovvero l’attaccante Salvatore Caturano, in uscita dalla Casertana.

Questa sera ad Arezzo è in programma l’amichevole di lusso con la Fiorentina di Vincenzo Montella. Grande attesa per il ritorno di Manuel Pasqual, da dieci anni ormai in Viola dopo un triennio tra C1 e B proprio in amaranto, e per l’annunciata presenza del colombiano Cuadrado, da settimane al centro di voci di mercato che fin qui non si sono mai concretizzare.

Nella passata stagione posò con la divisa del Real Vicenza contro l'età media. Una "campagna" sposata anche da Corona ed Ignoffo

Nella passata stagione posò con la divisa del Real Vicenza contro l’età media. Una “campagna” sposata anche da Corona, Ignoffo e Iuliano

Se Stefani dovesse saltare la sfida il suo approdo a Messina potrebbe concretizzarsi già nelle prossime ore. Un ulteriore indizio è rappresentato dai tre acquisti appena definiti dagli aretini, che si sono assicurati il centrocampista Marco Brighi, l’anno scorso compagno a Rimini del neo-giallorosso Elio Nigro, e due difensori, che dovrebbero rimpiazzare proprio Fabiano e Stefani, ovvero Aniello Panariello, reduce dalla stagione in Prima Divisione con la maglia della Paganese, e Roberto Gimmelli, nelle ultime tre stagioni al Castel Rigone, con cui affrontò da avversario il Messina.

Stefani, dopo avere anche esordito in serie A con il Milan, ha collezionato ben 120 presenze, realizzando 13 reti, in C1, con le maglie di Prato, Reggiana, Cremonese e Frosinone. Notevole anche l’esperienza accumulata in C2, dove le apparizioni sono ben 152 con 12 marcature all’attivo: in quarta serie ha indossato anche le maglie di Bellaria Igea Marina e Real Vicenza. Quest’anno infine l’avventura ad Arezzo, che potrebbe però essere arrivata al capolinea dopo circa due mesi.

Il 30enne tra il 2012 ed il 2013 è stato costretto ad uno stop di circa un anno per via di una squalifica legata all’inchiesta sul calcioscommesse. Ottenne un consistente “sconto” rispetto alla prima condanna: lo stesso nel quale il Messina confida per potere tesserare anche il grande ex Alessandro Parisi.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti