Il Messina dei silenzi sfida il Gela. Venuto prova a scacciare gli spettri

Pezzella e LiaPezzella e Lia in azione contro la Nocerina

Doveva essere la mattinata della presentazione ufficiale del direttore sportivo Fabrizio Ferrigno e degli acquisti operati nel corso della sua gestione. Il protrarsi delle trattative con il centrocampista Stefano Maiorano e l’attaccante Arcangelo Ragosta, definite soltanto in tarda mattinata, ha però imposto uno slittamento di qualche ora. Il dirigente campano rilascerà finalmente le prime dichiarazioni ufficiali ai cronisti, a dieci giorni dal suo ritorno in riva allo Stretto, e svelerà probabilmente le strategie future.

Fabrizio Ferrigno

Il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno si è finalmente legato al Messina

È pur sempre vigilia di campionato, anche se il Messina fin qui la sua stagione non l’ha ancora iniziata davvero. L’auspicio è che l’agibilità del “Franco Scoglio”, provvisoria in quanto concessa soltanto per il match con il Gela, possa rappresentare il miglior viatico per un club che è partito in ritardo e ha impiegato troppo tempo per strutturarsi, rinunciando alla Coppa Italia, il male minore, e sacrificando anche l’avvio del torneo.

Contro la formazione dell’ex “Pippetto” Romano, che schiera anche Moi e Gallon, due obiettivi di mercato sfumati per l’ACR, il tecnico Antonio Venuto potrà contare su quattro volti nuovi. Bruno, Rosafio e Ragosta sembrano già pronti per l’esordio dal primo minuto, che non è comunque scontato per atleti che hanno sostenuto solo una manciata di allenamenti con i nuovi compagni. Maiorano invece dovrebbe partire dalla panchina ed eventualmente esordire a gara in corso.

Colombini e Cocuzza

Colombini e Cocuzza nel match con la Nocerina

Sui portali campani si dà per certo, in caso di nuovo risultato negativo, l’approdo in riva allo Stretto di Vincenzo Feola e del suo vice Pasquale Suppa. L’ex allenatore di Milazzo e Due Torri è chiamato quindi a zittire le tante voci e scacciare gli spettri che aleggiano sulla sua panchina, principalmente per responsabilità di chi non ha rinforzato in precedenza una rosa che era da metà classifica.

Tra i pali ci sarà sicuramente Prisco (‘97). Possibili novità anche tra gli under, in attesa degli eventuali arrivi di Donnarumma e Visconti, attualmente sotto contratto in C con la Casertana. L’incerto Cozzolino (‘98) sembra dare più garanzie del pari età Bucca, mentre Bossa (‘98) non è in discussione. L’ingaggio di Polito (’99) potrebbe consentire finalmente di puntare solo su over nel reparto offensivo, aumentando sensibilmente l’incisività negli ultimi metri.

Venuto e Matinella

Il tecnico Antonio Venuto e il vice Santo Matinella

L’arrivo di forze fresche potrebbe portare in panchina qualche big, come Colombini in difesa, ed almeno uno tra Cocuzza e Dezai in attacco. Anche Pezzella e Lavrendi non sembrano più pedine inamovibili. Ma il Messina è chiamato a reagire soprattutto mentalmente. Il primo abbraccio del pubblico in città e la ventata delle novità potrebbero essere il preludio all’atteso sussulto.

Necessario contro una potenziale big del torneo, reduce dal rotondo successo con il Roccella e dal blitz di Troina, prima del riposo forzato per una Vibonese che era ancora in stand-by. I calabresi faranno il loro esordio domenica contro il Portici. Dopo avere a lungo sperato, legittimamente, di ripartire dalla C, dovranno invece misurarsi con l’inferno della D. Una bella beffa, in un calcio sempre più caotico.

Commenta su Facebook

commenti