Messana, 22 convocati per il derby contro il Città di Messina

Alberto Furnari in azione contro l'Acquedolcese

La Messana vuole sbloccarsi e muovere la classifica, che recita ancora “zero” alla casella punti. Nonostante la sconfitta interna contro l’Acquedolcese, i giallorossi ripartono dalla positiva prestazione di sabato scorso e sono attesi dalla vicina trasferta di Mili Marina, dove, sul sintetico del “Garden Sport”, faranno visita al Città di Messina di mister Nello Basile, che precede Visconti (ex di turno) e compagni di un punto.  Dopo quattro giorni di intenso lavoro, nei quali mister Peppe Furnari ha provato le soluzioni tecnico-tattiche in vista della prima stracittadina della stagione, la settimana della Messana si è conclusa con la seduta di rifinitura di venerdì sera, al termine della quale il tecnico ha diramato la lista dei 22 convocati.

Mario Bertuccelli in azione

Mario Bertuccelli in azione

Oltre al solito assente Giuseppe Canale, out per infortunio, non ci sarà l’attaccante Mirko Pagliaro, squalificato per un turno dopo l’espulsione contro l’Acquedolcese, mentre torna disponibile il difensore Lillo Cucinotta; prima convocazione, infine, per il giovane portiere, classe 1998, Leonardo Imbesi, e per l’attaccante Giuseppe Cozzucoli, uno degli ultimi tesserati della sessione estiva di calciomercato. Calcio d’inizio alle ore 15.30 al “Garden Sport” di Mili Marina: il derby sarà diretto da Antonino La Rosa della sezione di Barcellona P.G., coadiuvato dagli assistenti Massimo Falzone e Pietro Anile, entrambi della sezione di Acireale.

L’elenco dei 22 convocati:
Portieri: Francesco Arrigo (‘97), Michele Canale (‘97), Leonardo Imbesi (‘98);
Difensori: Mario Bertuccelli, Lillo Cucinotta, Andrea Doddis (‘98), Alberto Furnari, Giuseppe Rifici (‘98), Andrea Urso;
Centrocampisti: Alessandro Bonaccorso, Roberto Libro, Domenico Lo Presti, Antonio Lo Surdo, Gaetano Nunnari, Gianmaria Pulitanò (‘98), Vincenzo Stroncone, Andrea Visconti (‘97);
Attaccanti: Andrea Arena, Piero Coppolino, Benito Costanzo, Giuseppe Cozzucoli, Giuseppe Giorgianni

Commenta su Facebook

commenti