Martinelli: “Al “Menti” ambiente caldo. Penserò a giocare, non ai possibili fischi”

Catania-MessinaLa progressione di Martinelli, fronteggiato da Di Cecco

Dopo il pari con il Catanzaro per il Messina c’è da preparare la sfida in trasferta a Castellammare, contro un’altra formazione a caccia di punti per cercare di assicurarsi la permanenza. Il difensore Luca Martinelli è tornato ad analizzare l’1-1 di domenica al “Franco Scoglio”, non senza un pizzico d’autocritica: “Avremmo potuto fare qualcosa in più. Forse abbiamo patito il primo caldo in una partita particolare. Tuttavia c’è stata la reazione giusta dopo essere andati in svantaggio e ciò dimostra che la squadra è viva. Vogliamo continuare a far bene e a collezionare più punti possibili. La posizione di classifica è importante, fa differenza chiudere sesti o settimi oppure undicesimi”.

Tavares e Martinelli

L’abbraccio tra Tavares e Martinelli

“Anche a livello personale – prosegue Martinelli – bisogna completare al meglio la stagione. Le motivazioni le dobbiamo trovare dentro di noi, in quanto c’è chi punta a rinnovare il contratto, a fare un salto di categoria oppure ad andare in un’altra squadra. Ognuno deve avere i propri stimoli. Il mio futuro? Ho rinnovato il contratto e resto sicuramente a Messina se ci sono le condizioni”.

ACR Messina

L’esultanza di Martinelli dopo il gol al Foggia

Al “Menti“ contro la Juve Stabia sarà per lui una gara da ex. In gialloblù il difensore ha messo insieme 27 presenze ed un gol in B tra il 2013 ed il 2014. “In queste ultime cinque giornate troveremo di fronte squadre che hanno degli obiettivi importanti e saranno motivate a far punti, ma dobbiamo disputare queste sfide al meglio, dando il 100%. Giocavo fino a due anni fa con la Juve Stabia e so che lì c’è un ambiente caldo, perché come in tutte le piazze del Sud la gente tiene molto alla squadra. Lo stadio è piccolo, il tifo è molto caloroso, inoltre il campo è in sintetico e a questo non siamo abituati. Io penserò a giocare la mia partita e se ci sarà qualche fischio non mi interessa. La Juve Stabia ha un organico importante e sta facendo meno di quello che si aspettava da loro a inizio stagione”.

Un intervento falloso ai danni di Martinelli

Un intervento falloso ai danni di Martinelli

L’ultima battuta è sul compagno di reparto Mileto, titolare contro il Catanzaro. Anche per lui un passato recente nella Juve Stabia, da cui è giunto a gennaio in riva allo Stretto: “Francesco è arrivato in punta di piedi, entrando pian piano nel gruppo. Quando è stato chiamato in causa ha dato il meglio, ma il mister deve fare le sue scelte e magari ha trovato meno spazio di quello che potesse meritare”.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma