Lo stadio di Milazzo diventa “Marco Salmeri”. Tanta commozione alla cerimonia

Marco SalmeriLa targa scoperta nel giorno dell'inaugurazione dello stadio "Grotta Polifemo" di Milazzo a Marco Salmeri

Stadio “Marco Salmeri” di Milazzo. Il 29 dicembre 2014 è una data che resterà per sempre scolpita nel cuore di tutti gli sportivi mamertini. E’ stato infatti il gran giorno della cerimonia d’intitolazione dell’impianto allo sfortunato centrocampista, morto lo scorso 27 aprile in un incidente stradale, avvenuto nel viadotto Montagnareale, sull’autostrada Palermo-Messina, quando era di rientro dopo la gara disputata con la maglia del Due Torri contro il Savoia. Tanta la commozione dei quasi mille astanti nel momento in cui il sindaco di Milazzo Carmelo Pino ha ufficialmente intitolato lo stadio ad uno dei protagonisti (con 53 presenze e due gol all’attivo), della formidabile scalata della compagine rossoblù dalla Promozione alla Seconda Divisione, culminata con il salto in Lega Pro centrato nel 2010.

Il sindaco Pino durante la cerimonia

Il sindaco Pino durante la cerimonia

Nei mesi passati amici e tifosi avevano consegnato all’Amministrazione comunale una petizione con diecimila firme per chiedere l’intitolazione del campo di calcio che era denominato “Grotta Polifemo”, proprio perché sorge vicino alla mitica spelonca del gigante. Il primo cittadino, con propria determina, ha deciso di condividere tale richiesta e così è arrivata la posa della targa che indica il nuovo nome dello stadio. “Marco Salmeri continuare a vivere nella memoria di tutti noi – ha detto nel suo intervento il sindaco Pino – ma soprattutto nel cuore di tutti, non solo perché lo stadio porta il suo nome, ma per quei sentimenti di genuinità che è riuscito a trasmettere. E questa presenza numerosa di oggi è la dimostrazione del forte affetto dei milazzesi”. Il sindaco ha poi rivolto parole di sostegno ai genitori, al fratello e alla sorella del giovane calciatore. Alla cerimonia, al fianco delle istituzioni (erano presenti anche il vicesindaco Stefania Scolaro e l’assessore allo sport Pippo Midili), sono intervenuti anche i calciatori del Milazzo e del Due Torri, i tecnici di Salmeri Antonio Venuto ed Antonio Alacqua, il presidente della storica promozione in Lega Pro Piero Cannistrà.

I tifosi del Milazzo espongono uno striscione

I tifosi del Milazzo espongono uno striscione

Dopo la cerimonia, gli Ultras del Milazzo – che per l’occasione hanno anche indossato una maglietta in ricordo di Marco – hanno organizzato una fiaccolata esponendo anche un grande striscione utilizzato il giorno della promozione in serie C che ha addobbato l’intera gradinata. Fra gli assenti l’attaccante Mauricio Sanguinetti che ha comunque dedicato un pensiero al compagno di squadra scomparso mediante un’emozionante missiva letta a tutto lo stadio da Davide Santamaria. Poi è andata in scena un’amichevole che ha rappresentato la prima partita ufficiale allo stadio “Marco Salmeri”. Da un lato la formazione rossoblù che vinse il campionato di Serie D 2009-10, completata da Gaetano Salmeri, dall’altro una rappresentativa formata dagli amici di Marco.

Commenta su Facebook

commenti