L’Handball Messina si aggiudica il recupero con l’Albatro Siracusa per 36-31

Nel recupero della seconda giornata del campionato di Serie B regionale di pallamano, l’Handball Messina ha superato per 36-31 l’Albatro Siracusa.

Mister D'Arrigo a colloquio con i suoi ragazzi

Mister D’Arrigo a colloquio con i suoi ragazzi

Con il “PalaMili” indisponibile è stato il “PalaRussello” la roccaforte che ha consentito ai ragazzi del presidente Enzo Marino di centrare la nona vittoria consecutiva e portarsi ad un solo punto di distanza dalla capolista Aetna Mascalucia con addirittura una gara in meno. Per la compagine di mister D’Arrigo la pratica Albatro Siracusa si è dimostrata ostica, visto che la prima frazione di giuoco si è conclusa con uno spettacolare 17-17. Dal lato dei peloritani ha pesato l’assenza di Giovanni Minissale, ma Olindo Carubia ed Enzo Abbate sono riusciti a rispondere alle reti di Delitalia e Bandieri. Nella ripresa i padroni di casa sono partiti bene con un micidiale uno due firmato da Massimiliano Duca ed il già citato Carubia.

Massimiliano Duca (Handball Messina)

Massimiliano Duca (Handball Messina)

Francesco Costarella è salito in cattedra siglando una rete dopo l’altra (miglior marcatore della squadra con 12 goal), mentre l’estremo Nicola Catalin ha sigillato la porta peloritana. L’Albatro Siracusa sul 30-24 ha avuto uno scatto d’orgoglio e si è avvicinata pericolosamente portandosi sul 30-28, ma l’Handball ha ritrovato il ritmo chiudendo la gara sul 36-31. Infine da sottolineare l’ottima prova del neo acquisto Marco Parisio (autore anche di 2 reti), che sicuramente si rivelerà un’importante pedina nello scacchiere di mister D’Arrigo.

A fine gara il tecnico D’Arrigo ha dichiarato: “Eravamo consapevoli delle difficoltà della gara, sia per il valore dei nostri avversari che per una serie di fattori interni. Abbiamo dovuto rinunciare a Giovanni Minissale e Antonio Zaia ha giocato a mezzo servizio come del resto Francesco Costarella, reduce da un fastidioso problema alla caviglia. In più c’è stato il problema legato all’ambientamento nel nuovo terreno di gioco, più piccolo rispetto al PalaMili. Nel primo tempo abbiamo faticato a trovare i giusti equilibri, specialmente in fase difensiva, concedendo troppo all’Albatro e non giocando sui nostri soliti livelli.

Enzo Abbate

Enzo Abbate (Handball Messina)

Nella ripresa, ritrovata la giusta concentrazione e la consapevolezza dei nostri mezzi, il rendimento è salito decisamente, con il risultato che alla fine ci ha dato ragione. Buono l’inserimento di Marco Parisio, un ragazzo che è arrivato da pochi giorni e deve ancora trovare il miglior affiatamento con il resto dei compagni, ma su di lui contiamo tanto per il prosieguo della stagione. L’assenza di Giovanni Minissale si è fatta sentire, anche se in squadra fortunatamente abbiamo altri elementi di grande esperienza come Olindo Carubia ed Enzo Abbate, sempre decisivi nei momenti topici del match. Nonostante la gara in meno, abbiamo un solo punto di distacco dalla capolista Aetna Mascalucia e ben dieci lunghezze di vantaggio dal Girgenti, la quarta forza del campionato. Adesso, quindi, dovremo soltanto mantenere la giusta concentrazione e pazientare qualche altra settimana per poter festeggiare insieme ai nostri tifosi, anche stasera presenti in buon numero nonostante l’impegno serale e infrasettimanale”.

Olindo Carubia (Handball Messina)

Olindo Carubia (Handball Messina)

Olindo Carubia ha aggiunto: “Tra infortuni e malanni di stagione sapevamo benissimo che non sarebbe stato facile superare l’Albatro. La giovane squadra di mister Rudilosso, grazie anche a qualche innesto importante, è arrivata a Messina per giocarsi la partita e in campo ha messo tanta grinta e velocità. Nel primo tempo in difesa abbiamo sofferto l’assenza di Giovanni Minissale, pedina per noi fondamentale, oltre alle non perfette condizioni fisiche di Antonio Zaia. Anche in attacco stentavamo a trovare i giusti equilibri, con il neo arrivato Marco Parisio che col tempo sono certo ci darà una grossa mano. Nella ripresa siamo cresciuti e la squadra ha saputo reagire al meglio alle tante difficoltà. Il mister è stato bravo nella gestione dei cambi e, alla fine, sono arrivati questi tre punti che ci danno grande carica e fiducia anche in vista dell’impegno di sabato contro lo Scicli. All’andata in casa loro abbiamo perso, non giocando una grande partita, e quindi ci teniamo a far bene e continuare la nostra straordinaria serie positiva”.

Il Tabellino della gara

Handball Messina – Albatro Siracusa 36-31 (p.t. 17-17)

Handball Messina: De Francesco, Carubia 7, Costarella 12, Duca 5, Abbate 8, Freni, Russo, Catalin, De Salvo D., De Domenico P., Parisio 2, Zagarella 1, De Salvo E., Zaia 1. All. D’Arrigo.

Albatro Siracusa: Santoro, Nobile, Delitalia 14, Camiolo, Sortino, Bandieri 6, Vinci 3, Lo Bello 3, Mandolfo, Bronzo 3, Cimino, Argentino, Rarkez 1, Carini 1. All. Rudilosso.
Arbitri: Cannata e Cardaci

Classifica
37  Aetna Mascalucia
36 Handball Messina
28 Crazy Reusa Ragusa
26 Girgenti
25 Agriblù Scicli, Handball Palermo
19  Handball Club Mascalucia, Pgs Risurrezione Ct
16  Esperia Orlandina
15  Albatro Siracusa
12 Giovanni Paolo II S.Cataldo
3 Pgs Villaurea Pa
N.B. Handball Messina e Crazy Reusa Ragusa una gara in meno.

Commenta su Facebook

commenti