Le nostre interviste a Bramanti e De Luca in vista del ballottaggio del 24 giugno

De Luca e BramantiCateno De Luca e Dino Bramanti

Domenica 24 giugno Messina sceglie una fetta del suo futuro. Dino Bramanti, candidato capofila del centrodestra, e Cateno De Luca, di Sicilia Vera, con la sua lista civica, si contendono la poltrona di primo cittadino. Il loro ultimo appello, le ricette per la città e i programmi relativi allo sport, con il dibattito acceso dai destini dell’ACR Messina, nelle nostre interviste video. Realizzate da Francesco e Daniele Straface, con le riprese di Vincenzo Nicita Mauro.

BRAMANTI – Punta sulle grandi opere, interloquendo con Europa e Governo. Vuole mantenere le partecipate, ma snellendole. Accorinti? “Lascia anche cose buone da portare a termine”. Definisce il suo avversario “un genio del male finalizzato al potere”. Ha aperto un dialogo con l’ACR, di cui auspica il ripescaggio in C.

Amministrative – Speciale Ballottaggio – Dino Bramanti del centrodestra

Elezioni amministrative – Speciale Ballottaggio – Dino Bramanti Sindaco – Punta sulle grandi opere, interloquendo con Europa e Governo. Vuole mantenere le partecipate, ma snellendole. Accorinti? "Lascia anche cose buone da portare a termine". Definisce il suo avversario "un genio del male finalizzato al potere". Ha aperto un dialogo con l'ACR, di cui auspica il ripescaggio in C. Intervista di Francesco Straface, riprese di Vincenzo Nicita

Publiée par Messina Sportiva sur Vendredi 22 juin 2018

DE LUCA – Punta a riorganizzare Palazzo Zanca, all’eliminazione del tram e alla messa in liquidazione della MessinaServizi. Non considera un ostacolo la mancata elezione di suoi consiglieri comunali. Ritiene che il Comune dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione tra ACR e Città di Messina per avere in futuro un’unica società.

Amministrative – Speciale Ballottaggio – Cateno De Luca di Sicilia Vera

Elezioni amministrative – Speciale Ballottaggio – Cateno De Luca Sindaco di Messina – Punta a riorganizzare Palazzo Zanca, all'eliminazione del tram e alla messa in liquidazione della MessinaServizi. Non considera un ostacolo la mancata elezione di suoi consiglieri comunali. Ritiene che il Comune dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione tra ACR e Città di Messina per avere in futuro un'unica società. Intervista di Daniele Straface, riprese di Vincenzo Nicita

Publiée par Messina Sportiva sur Vendredi 22 juin 2018

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti