L’appello di Perdichizzi e Maresca: “Vittoria preziosa. Vogliamo tornare al PalAlberti”

Barcellona ritrova il sorriso dopo tre ko di fila con Ferentino, Casale e Napoli che non avevano minato il morale del gruppo giallorosso, consapevole delle proprie qualità e degli obiettivi prefissati in precampionato. Veroli cade al PalaSerranò di Patti per 85-69 in una gara sempre tenuta in pugno dai ragazzi di Giovanni Perdichizzi con uno Shepherd straripante (26 punti e 5 triple). In sala stampa in casa ciociara è Germano D’Arcangeli ad analizzare i motivi di una sconfitta arrivata dopo due vittorie sulle corregionali Trapani ed Agrigento (prossime avversarie di Barcellona in campionato, ndc).
“Barcellona ha tirato con percentuali altissime, poi era difficile per noi recuperare il gap. Dobbiamo ancora crescere e tornare a contatto era impossibile. Non è un alibi il fatto che siamo giovani, non siamo smaliziati per capire che nel primo quarto non si deve essere troppo soft in campo contro una squadra che voleva vincere. Comunque iniziamo a saper soffrire e siamo più adatti a questo tipo di campionato. Ho detto questo negli spogliatoi ai miei ragazzi, mi è piaciuto il fatto che non siamo crollati”.

Giovanni Perdichizzi (Barcellona) in sala stampa

Giovanni Perdichizzi (Barcellona) in sala stampa

Per Barcellona Perdichizzi ha lodato lo spirito di gruppo che ha inseguito per quaranta minuti il successo. “Volevamo vincere per reagire ai tre ko, specie quello con Casale che non meritavamo. Siamo maturi per capire che solo col lavoro possiamo dire la nostra, lo abbiamo dimostrato, giocando con serenità e grande sostanza nonostante le difficoltà del giocare in questo campo. Infatti anche gli allenamenti e nelle partite mancano i punti di riferimento come dimostrano le basse percentuali ai liberi. Vorremmo tornare al PalAlberti per fare sì che le nostre partite in casa siano gare in cui il fattore campo giochi per noi. Tecnicamente l’essere in casa al PalaSerranò si annulla per varie ragioni”. 

Meriti rivolti anche all’avversario, certamente meno arrendevole rispetto alle prime giornate che tratteggiavano una squadra in completo disarmo.
“Veroli è migliorato tantissimo come dimostrano le loro vittime Agrigento e Trapani. Il ko con Casale ci dava ulteriori stimoli, il fatto poi di non dover giocare in settimana ci ha fatto lavorare con serenità. Anche a Napoli l’approccio alla gara era stato deciso, bene i ragazzi in campo con le scelte di tiro e il timing nei giochi, positivo Spizzichini in difesa, Da Ros nelle letture di passaggi e nell’attaccare il canestro, i tiri presi da Shepherd. Abbiamo preso confidenza con la gara, siamo andati pure a più 30 e gestito senza ansia il ritorno di Veroli”.
L’appello finale del coach riguarda il completamento dei lavori del PalAlberti per poter riabbracciare al più presto il proprio campo: “Penseremo ai derby in settimana ma vogliamo tornare a giocare a Barcellona. Parlo all’Amministrazione per il completamento dei lavori, manca poco per il definitivo via libera. Per noi è troppo importante, per il giusto feeling con i giocatori. I più giovani vogliono capire il trasporto del pubblico di Barcellona che solo nel nostro palazzo possiamo avere, La gente viene a Patti ma a Barcellona il numero sarebbe nettamente maggiore. Siamo in linea con l’obiettivo stagionale, ogni allenatore vuole migliorare il proprio andamento. Con due punti in più sarei stato contentissimo ma va bene così. Non lottiamo per le prime quattro posizioni, vogliamo ottenere al più presto la quota permanenza per poi toglierci altre soddisfazioni. I giovani crescono col passare delle settimane così come il nostro capitano. E’ normale voler competere al massimo come in passato ma quest’anno è un campionato di transizione per poi tornare protagonisti ai massimi livelli dopo la riforma nei campionati in quella che rimane la seconda lega italiana”.

Una fase di gioco del match tra Barcellona e Veroli

Una fase di gioco del match tra Barcellona e Veroli

Infine chiusura tutta per il capitano Giuliano Maresca, alla sua migliore prestazione stagionale ed in crescendo di condizione fisica dopo qualche problema di tenuta: “Questa vittoria regala grande tranquillità a noi e all’ambiente, il terzo successo lo volevamo fortemente.  In campo sapevamo cosa dovevamo fare ed adesso abbiamo due gare molto sentite come i derby con Agrigento e Trapani da non fallire. Sfide che ci diranno quanto valiamo per poi sfruttare a dovere il fattore campo. Per questo spero che rientreremo presto a Barcellona, il calore del PalAlberti è impareggiabile e fondamentale”.      

Commenta su Facebook

commenti