L’Alma Patti soffre oltre il previsto ma batte Cagliari. Coppa Italia in bilico

Alma PattiSara Sciammetta in palleggio (foto Legabasketfemminile)

Un’Alma Patti ancora in formazione rimaneggiata (assenze prolungate per Botteghi e Armenti) rischia di capitolare davanti al pubblico contro un Cus Cagliari apparso in ottima giornata. Per quasi quaranta minuti di gioco l’Alma appare con la testa lontano dal parquet, quando c’è litiga con il ferro, non difende e permette alle sarde elevate percentuali di realizzazione. Soltanto ad un minuto dalla fine il capitano Silvia Sarni si carica la squadra sulle spalle, nasconde la palla all’intera difesa ospite e va a canestro. È il 69-68 col quale l’Alma sorpassa le avversarie scacciando la grande paura. 

Alma Patti

L’Alma Patti schierata prima del via

Quando mancano poco meno di 25 secondi alla sirena, le tiratrici del Cus Cagliari sbattono sulla retroguardia di casa  e sbagliano, per due volte di seguito, il canestro del controsorpasso e quindi della possibile vittoria. A mettere il sigillo sul match ci ha pensato Moretti che, a 15 secondi dalla fine, ha realizzato un 2+1 che ha regalato così una gioia insperata ai tifosi. Il quarto posto che equivale alla qualificazione in Coppa Italia, però, resta in bilico perché Firenze deve recuperare il match con Savona e in caso di successo scavalcherebbe Patti per via della migliore differenza canestri. 

Il campanello d’allarme era suonato già all’inizio della partita, quando, per cinque minuti, Miccio (top scorer ma con basse percentuali) e compagne litigano con il canestro e Cagliari piazzava il primo break di 7-0 uscendo dai blocchi. Dopo un brusco time-out chiamato da coach Buzzanca, Moretti, De Giovanni e la stessa Miccio confezionano un break di 18-0, portando la propria squadra sul 18-7. Le ospiti si scuotono e il primo quarto si chiude sul 20-14. Nel secondo parziale le cussine con Paoletti, Stawinska e Grangrasso sono letali dalla lunga distanza e chiudono avanti di 10 lunghezze (35-45).

Alma Patti

Karlīne Pilābere cerca un varco in area (foto Valeria Orlando)

Negli spogliatoi coach Mara Buzzanca avrà strigliato pesantemente le sue ragazze tanto che, alla ripresa, Miccio, con due triple consecutive, suona la carica e riporta al 30′ la propria squadra sul -1 (51-52). Gli ultimi dieci minuti iniziano nel peggiore dei modi, tanto che Grangrasso e Striulli ritrovano il canestro con grande facilità e portano le cagliaritane sul +8 (56-64 al 35′). Miccio realizza un’altra bomba, a 2’30” secondi dalla fine. Pilabere e De Giovanni non sbagliano dalla linea della carità e, infine, il capitano Silvia Sarni, con freddezza glaciale tipica di una grande leader, mette la freccia del sorpasso, consegnando i due punti alle ragazze del presidente Attilio Scarcella. Il nono successo in campionato conferma le qualità di Patti che deve ancora attendere per sapere se potrà giocare anche la prestigiosa vetrina della Coppa Italia.

Alma Patti-Cus Cagliari 71-67
Parziali: 20-14, 35-45, 51-52.
Alma Basket Patti: De Giovanni 8, Francia 2, Morabito ne, Moretti 6, Pilabere 18, Miccio 23, Bardarè 2, De Lise n.e., Sciammetta, Sarni 12. All. Buzzanca.
Cus Cagliari: Puggioni, Paoletti 10, Caldaro 5, Venanzi ne, Saias 2, Scanu n.e., Grangrasso 13, Usai n.e., Gagliano 11, Stawinska 20, Striulli 6. All. Xaxa.
Arbitri: Antonio Giordano e Giovanni De Giorgio.

Autori

+ posts