La Top Spin lotta ma viene sconfitta per 4-1 dall’Apuania Carrara

Piccolin Khanin (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Non è riuscita l’impresa alla Top Spin Messina contro i campioni d’Italia in carica dell’Apuania Carrara. Nel match clou della sesta giornata di Serie A1 maschile di tennistavolo la squadra allenata da Claudio Volpi si è imposta nella palestra di Villa Dante per 4-1. Un punteggio fin troppo severo, che non rispecchia interamente l’andamento degli incontri disputati, tutti giocati punto su punto e dall’elevato tasso di spettacolarità.

Apuania Carrara e Top Spin (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Nella gara d’apertura il bielorusso Aliaksandr Khanin ha prevalso per 3-2 contro Jordy Piccolin. Primo parziale conquistato dall’atleta bolzanino in forza alla Top Spin, bravo a non demordere dopo aver sciupato quatto set point dal 10-6, passando alla fine per 12-10. Khanin ha rimesso quindi la situazione in parità con l’11-5 del successivo parziale. A seguire, con il bielorusso avanti per 10-7 e poi per 11-10, un mai domo Piccolin si è aggiudicato il terzo set in rimonta per 13-11. Khanin ha però successivamente vinto per 11-6 sia il quarto che il quinto parziale, consegnando ai suoi l’1-0. Nel secondo singolare è toccato a March Rech Daldosso e Romualdo Manna. E’ finita 3-0 per il mantovano della Top Spin che ha subito preso il largo, conquistando il primo set per 11-5. Trovatosi sotto 4-2 nel secondo, Rech Daldosso è comunque riuscito ad imporsi per 11-6. Nel terzo equilibrio sino al 4-3, poi l’atleta di casa ha sconfitto Manna per 11-5, mettendo il sigillo e dando alla Top Spin il momentaneo 1-1.

Rech Khanin (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Sono quindi scesi in campo Antonino Amato e lo sloveno Jan Zibrat, con quest’ultimo vittorioso per 3-1. Amato si è aggiudicato per 11-6 il primo set, mentre Zibrat ha fatto suo il secondo (11-7). Nel terzo parziale lo sloveno dell’Apuania Carrara è andato sul 6-0, ma la grande reazione di Amato lo ha costretto a rinviare il successo all’11-9 dopo il quarto set point. Nel quarto set è maturato il decisivo 11-9 per Zibrat, nonostante il positivo avvio di Amato, passato anche a condurre sul 9-8. Con gli ospiti sul 2-1 complessivo, di fronte Rech Daldosso e Khanin. Secco 11-4 per Rech Daldosso nella prima frazione. Nella seconda il mantovano ha annullato cinque set point dal 5-10, cedendo però per 10-12. Incerto anche il terzo set, con Khanin ripreso dal 10-7, ma alla fine abile a chiudere sul 13-11. Nel quarto il bielorusso ha confermato la sua imbattibilità stagionale, prevalendo per 11-5. Tra Piccolin e Zibrat l’ultimo confronto del pomeriggio. Nel primo set l’atleta della Top Spin si è visto rimontare dal 10-9 al 10-12. Nel secondo equilibrio fino al 6-6, poi lo sloveno ha messo la freccia (11-7). Piccolin ha continuato a giocare con grande intensità, non capitalizzando però due set point (10-8) e vedendosi rimontare da Zibrat che con il 12-10 in suo favore ha regalato all’Apuania Carrara anche il terzo set e quindi il definitivo successo per 4-1.

Amato Zibrat (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Prima sconfitta casalinga stagionale, non senza rammarico, per i ragazzi guidati da Wang Hong Liang che hanno comunque dimostrato di poter sfidare a testa alta le formazioni più quotate del torneo. In virtù di questa affermazione l’Apuania Carrara sale a 10, mentre la Top Spin del presidente Giorgio Quartuccio, rimasta a quota 6 in classifica, ma con ancora una gara da recuperare, affronterà nel mese di dicembre ben tre trasferte consecutive. Il 13 renderà visita al Tennistavolo Norbello per l’anticipo della prima giornata di ritorno, il 14 contro la Marcozzi Cagliari per il recupero del secondo turno ed il 15 contro il Cral Comune di Roma, match valevole per l’ultima del girone d’andata.

Il riepilogo degli incontri tra Top Spin Messina e Apuania Carrara:
Jordy Piccolin – Aliaksandr Khanin 2-3 (12-10, 5-11, 13-11, 6-11, 6-11)
Marco Rech Daldosso – Romualdo Manna 3-0 (11-5, 11-6, 11-5)
Antonino Amato – Jan Zibrat 1-3 (11-6, 7-11, 9-11, 9-11)
Marco Rech Daldosso – Aliaksandr Khanin 1-3 (11-4, 10-12, 11-13, 5-11)
Jordy Piccolin – Jan Zibrat 0-3 (10-12, 7-11, 10-12)

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti