La Siac ha inoltrato richiesta di ammissione al campionato di serie B

Time out della SIAC

L’Asd SIAC Messina, nella persona del presidente Marco Ravidà, ha inoltrato richiesta di ammissione al campionato nazionale di calcio a 5 per la serie B 2019/20, avendo formalizzato tutta l’istruttoria necessaria alla Divisione Nazionale Ca5.

Logo SIAC

Confidando in un esito positivo, la società già pensa a reperire una nuova guida tecnica chiamata ad affrontare l’eventuale torneo di serie B che si preannuncia difficile e competitivo. Il club cercherà di confermare l’ossatura dello scorso anno, rinforzando il roster con i migliori talenti del settore giovanile, i quali hanno ben figurato nello scorso campionato Under 19, mettendo nel mirino anche qualche atleta straniero e di categoria.

Le gare ufficiali, come nella scorsa stagione, verranno disputate presso il PalaNebiolo di Contrada Conca d’oro, grazie alla concessione dell’Unime nella persona del presidente Nino Micali. “Il problema potrebbe sorgere per quanto riguarda gli allenamenti fino ad oggi svolti al PalaRescifina – si legge nel comunicato diramato dalla società  – del quale, nonostante la richieste inoltrate già da tempo al Comune, ad oggi non si ha nessuna risposta”.

Il presidente Marco Ravidà (SIAC)

“Questa situazione preoccupa e non poco la società – prosegue la nota – in quanto la Divisione Ca5 obbliga a giocare in impianti al coperto e sul parquet, di conseguenza anche gli allenamenti dovranno tenersi sullo stesso terreno e per quattro giornate settimanali, come pure per la Under19 e per tutto il settore giovanile reso oggi obbligatorio. Si auspica quindi che ogni cosa si possa risolvere nel migliore dei modi non vanificando tutti gli sforzi che la SIAC sta affrontando per far avere a Messina e tutta la sua provincia l’unica compagine partecipante ad un campionato nazionale di futsal”.

Commenta su Facebook

commenti