La chiamata di Manfredi: “Messina risponderà. Rispolverate sciarpe e bandiere”

Lello ManfrediIl direttore generale dell'ACR Messina Lello Manfredi (foto Alessandro Denaro)

Con il presidente Franco Proto, al tavolo dei relatori, anche il direttore generale Lello Manfredi e il direttore sportivo Marcello Pitino. In sala stampa presenti anche i componenti dello staff tecnico, i calciatori e due grandi ex, come Giorgio Corona ed Alessandro Parisi, per il quale si profila un ruolo inedito. Svelata ufficialmente la campagna di comunicazione in vista del derby di domenica con il Catania, già anticipata sui social dai video di Cristiano Lucarelli e “Re Giorgio”.

Manfredi, Proto e Fiumanò

Manfredi, Proto e Fiumanò in conferenza stampa (foto Alessandro Denaro)

“L’obiettivo reale non lo dichiaro, altrimenti rischio figuracce – ha esordito il dg – In realtà coltiviamo la speranza di fare dei numeri importanti. Ogni volta che la collettività messinese è stata chiamata a dare una risposta c’è stata. Il messaggio è “Io ci sono”, dal momento che tutti sono chiamati a dare una mano per salvare la squadra del cuore. Molti non vengono più allo stadio, ma hanno nei cassetti sciarpe e bandiere, tiratele fuori. Dimostriamo di esserci”.

Il “Franco Scoglio” tornerà ad offrire uno splendido colpo d’occhio: “Dobbiamo portare allo stadio chi ha paura, lo ritiene scomodo o si scoccia perché lo spettacolo non piace. Riapriremo la Tribuna B ed estenderemo la Curva Sud. La capienza del settore ospiti può essere portata al massimo fino a quota 2mila spettatori”.

Sala stampa

Sala stampa gremita al “Franco Scoglio” (foto Alessandro Denaro)

Il titolare della “Sud Dimensione Servizi” si conferma un fiume in piena: “Ringrazio il presidente per avermi scelto, abbiamo tanti progetti in cantiere. Creeremo le occasioni affinché le famiglie tornino allo stadio. Noi vogliamo dare un segnale ai tifosi della provincia, rimborsando le spese del pedaggio, trasformando gli scontrini in biglietti omaggio per altre gare”.

Il direttore generale si è rivolto alla squadra: “Ai ragazzi chiediamo una prestazione di carattere. La storia recente del Messina dimostra che la gente qui ha apprezzato anche giocatori modesti, che però lottavano con il cuore”. Non si conosce ancora il destino della tifoseria ospite, che spera di potere essere presente domenica allo stadio: “Attendiamo risposta dal Questore. Non sappiamo ancora se sarà consentito ai tifosi del Catania di esserci. Noi siamo pronti ad accoglierli anche perché vorremmo coltivare una sana rivalità sportiva”.

Franco Proto

Il neo-presidente del Messina Franco Proto (foto Alessandro Denaro)

Tra le priorità del dg c’è la drammatica gestione dei campi: “Ci alleneremo al “Celeste” fino a fine stagione. Sarà la nostra casa. Il settore giovanile verrà dirottato in altre strutture. Purtroppo non possiamo attuare interventi radicali nello stadio di via Oreto ma soltanto garantire le condizioni sufficienti per fare allenare la squadra. Per la prossima stagione invece abbiamo altre idee”.

Commenta su Facebook

commenti