Inchiesta “Dirty Soccer”, la Lega Pro si è costituita parte offesa

Lega ProLa sede della Lega Pro a Firenze

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro si è riunito a Firenze, presenti i vicepresidenti Archimede Pitrolo e Antonio Rizzo, i consiglieri Alessandro Barilli, Walter Baumgartner, Giovanni Lombardi, Walter Mattioli, Giuseppe Pasini, Pietro Vavassori e il consigliere federale Gabriele Gravina. In merito all’inchiesta “Dirty Soccer” sulle scommesse, la Lega Pro si è costituita parte offesa contro le società, i dirigenti e i giocatori che risultassero, al termine delle indagini in corso, responsabili di aver contribuito alla manipolazione del risultato sportivo delle partite coinvolte. La Lega Pro – si legge nel comunicato – ribadisce di aver sempre tutelato con la massima fermezza la regolarità dei campionati e di aver vigilato sulle anomalie delle scommesse, segnalandole tempestivamente all’Autorità giudiziaria. E’ stata poi programmata per il 30 giugno l’assemblea per l’approvazione del bilancio della stagione sportiva 2013-14. Sono state, infine, ratificate le norme per l’iscrizione al campionato 2015-16. Per la commissione “carte federali” è stato nominato come componente il Direttore Generale della Lega Pro, Renato Cipollini.

Commenta su Facebook

commenti