Il Messina fa sua l’amichevole del “Marullo”: 3-1. Camaro a testa alta

Acr Messina e Camaro

Buon test infrasettimanale per il Messina in vista della trasferta di domenica a Catanzaro. La squadra di Di Costanzo ha fatto le prove generali al “Marullo” di Bisconte, affrontando in un’inedita amichevole il Camaro, fresco vincitore del campionato di Prima Categoria. I giallorossi hanno prevalso per 3-1, ma i neroverdi hanno offerto un’ottima prestazione al cospetto del più blasonato avversario. Messina inizialmente in campo con Scardino tra i pali, Altobello, Pepe, Stefani e Benvenga nella linea difensiva, Mancini, Damonte, Nigro e Izzillo a centrocampo e Spiridonovic a supporto dell’unica punta Orlando. Camaro in avvio con il 4-4-2: davanti a La Ferrara, portiere “prestato” per l’occasione del Messina, pacchetto arretrato con Cappello, Cammaroto, Giglio e Morgante. A centrocampo Russo, De Maria, Ricciardo e Cardia, in attacco Buda e Cannuni.

Nicolas Izzillo

Nicolas Izzillo difende palla (foto Giovanni Isolino)

Già al 5′ Messina in vantaggio: sugli sviluppi di un corner è Izzillo a trovare la deviazione vincente sotto porta, sfruttando una respinta corta di La Ferrara. La pronta risposta del Camaro arriva però al 13′: Cardia lancia bene in profondità Buda, il capitano sfugge in velocità alla difesa, dribbla il portiere Scardino e deposita in rete per l’1-1. Nei successivi minuti l’Acr torna a farsi vivo in avanti in più occasioni, ma Nigro al 16′ e Izzillo al 22′ non inquadrano la porta. Al 24′ “giallo” sul gol di Orlando, annullato per una carica sul portiere ravvisata da Mauirizio Ruggeri che ha diretto per l’occasione l’amichevole. Il Camaro, prima del riposo, va al tiro per due volte: a lato la conclusione da fuori di Cappello alla mezzora, di poco oltre il palo il destro di Buda dal limite dell’area. La prima frazione si chiude dunque sull’1-1, con Donnarumma che ha in corso d’opera rilevato Altobello, con lo spostamento di Benvenga sulla corsia destra.

Orlando in pressing

Orlando in pressing (foto Giovanni Isolino)

Tanti cambi da una parte e dall’altra nel corso della ripresa. Tra le file del Messina spazio in difesa a Silvestri, al rientrante Marin e anche ad Alessandro Parisi, ex bandiera del Fc che si allena da qualche tempo con il gruppo. Quindi Cane, Bortoli, Ciciretti e davanti il trio composto da Bonanno, Corona e De Paula. Nel Camaro dentro prima Rifici e Porcino e a seguire Lauro, Mangano, Bruno, D’Angelo, Grasso, Morgana e il giovane portiere Terranova. Anche nel secondo tempo i neroverdi non demeritano, pur subendo un po’ di più rispetto alla prima frazione. Il Messina ci prova subito con Ciciretti (tiro dalla distanza di poco sul fondo) e trova la rete al 7′ con il capitano Corona, a bersaglio con un bel destro al volo. Il Camaro prova a replicare con il tentativo di Buda che sfiora la traversa da fuori. Sempre Corona protagonista tra il 15′ e il 27′: prima va ancora in gol, ma la rete viene annullata per fuorigioco e poi colpisce la traversa con una pregevole conclusione a giro, dopo aver rubato palla al portiere. Alla mezzora bella azione personale di Cardia conclusa con un destro centrale neutralizzato dal numero uno avversario. Il Messina va ancora alla battuta da fuori con Bortoli al 32′ e trova il terzo centro sul finire dell’incontro: è Silvestri al 40′ a depositare in rete sugli sviluppi di una punizione battuta da Ciciretti, controllando bene in area prima di colpire sottomisura.

Il difensore Stefani

Il difensore Mirko Stefani (foto Giovanni Isolino)

Il match termina 3-1 in favore dell’Acr Messina, ma al Camaro resta la grande soddisfazione di avere offerto una prestazione confortante contro avversari ben più quotati. Se il Messina sarà ora di scena domenica a Catanzaro, il Camaro tornerà in campo sabato per l’ultima gara di campionato, sfidando l’Or.Sa. allo “Zigari” di Barcellona.

Commenta su Facebook

commenti