Il Fc rimonta due reti a Ragusa con Piccioni (3-3). Ma pesano errori e amnesie

PiccioniPiccioni celebrato dai compagni per la doppietta

Ancora una volta i peloritani costruiscono una decina di palle gol ma sprecano troppo, anche in virtù della grande prova di Pellegrino. Lodi su rigore risponde all’eurogol di Manfrè, che sorprende Marone. Poi Brunetti sugli sviluppi di un calcio piazzato e Baldeh in contropiede puniscono una retroguardia disattenta. L’ingresso di un incontenibile Coria rivitalizza gli ospiti, che in due minuti trovano almeno l’insperato pari. Ma l’Acr adesso è più lontano. 

Lodi

Lodi ha firmato la sua settima rete stagionale

Il pre-partita. Mister Costantino deve rinunciare a due over, capitan Giuffrida e Caballero, e a tre under, Garetto, Aita e Panebianco. Meno opzioni quindi a disposizione e quattro novità nell’undici titolare: l’over Piccioni e gli under Casella, Arena e Bianco. Cinque gli under schierati dagli ospiti, uno in più rispetto agli obblighi regolamentari, con Coria che parte dalla panchina.

La cronaca. Gli ospiti pigiano subito il piede sull’acceleratore. Al 7′ Lodi vede Pellegrino fuori dai pali e ci prova da metà campo: il portiere ibleo rimedia in extremis, rifugiandosi in corner. Dopo l’ottima partenza ospite sono però i padroni di casa a passare in vantaggio: al 9′ Manfrè ci prova dalla lunghissima distanza, sorprendendo colpevolmente Marone. Marina di Ragusa in vantaggio con la rete dell’ex Città di Messina. Il Football Club sembra accusare il colpo. Al 17′ viene ammonito Casella per un fallo dal limite. La conseguente punizione di Manfrè non è irresistibile e viene bloccata da Marone. Al 21′ Bianco fallisce il controllo e non sfrutta il buon assist in area di Lodi sugli sviluppi di un calcio piazzato, agevolando l’uscita di Pellegrino. Gli ospiti collezionano corner, senza però rendersi pericolosi.

Marone

Marone beffato da Manfrè dalla lunga distanza

Al 27′ Lodi calcia a botta sicura da dentro l’area, ma l’estremo difensore ragusano è ancora una volta attento e respinge. Sul capovolgimento di fronte Manfrè va vicino al raddoppio: Marone si rifugia in corner dopo un pericoloso rimbalzo del pallone in area. Riprendono campo i locali, che al 31′ ci provano con Parisi dalla distanza: pallone alto. Sul fronte opposto, sugli sviluppi dell’ennesimo angolo, Pellegrino blocca la sfera proprio sulla linea. Al 36′ il portiere locale è provvidenziale anche sul calcio piazzato dal limite del solito Lodi. Subito dopo deviata in corner la conclusione di Palma. Al 41′ viene allontanato dalla panchina il medico sociale ospite Franco Mento. Un minuto dopo l’opportunità sprecata da Arena a tu per tu con il portiere, con Carbonaro che poi svirgola. Servono a poco i nove corner collezionati da Marchetti e compagni. Clamorosa l’opportunità fallita al 45′ da Piccioni, che da centro area, con la porta totalmente sguarnita, conclude fuori. Si va all’intervallo sull’1-0.

Lodi

Il rigore di Lodi era valso l’1-1

Pronti via e questa volta Piccioni colpisce al meglio, ma Pellegrino si rifugia per la decima volta in corner. Sulla battuta fallo di Baldeh su Arena, che non riesce a concludere e calcio di rigore, trasformato da Lodi. L’estremo difensore ibleo intercetta la sfera, che però si insacca a fil di palo. L’1-1 è la settima marcatura per l’ex catanese, la sesta dal dischetto. Il Fc però riesce a vanificare tutto al 7′, quando Brunetti è troppo libero per saltare in area piccola, dove di testa sigla il nuovo vantaggio dei locali. Colpevolmente sorpresa la retroguardia ospite sugli sviluppi di un calcio piazzato originato da un fallo al limite dell’area di Fissore. Al 13′ Carbonaro calcia fuori da ottima posizione, ma il gioco era comunque fermo per offside. Costantino lancia Agnelli al posto di Palma, ma la pressione ospite sembra calare. Termina alto il tentativo di Arena. Al 25′ Baldeh recupera palla sulla trequarti e prova da fuori area, ma questa volta Marone blocca. Due minuti dopo pregevole girata in area di Carbonaro, ma Pellegrino è ancora una volta decisivo e respinge.

Baldeh

Baldeh sigla il momentaneo 3-1

Valzer di cambi, forse un po’ tardivo. Dentro Coria e Bevis per Fissore e Arena. A pesare enormemente è un’altra dormita, con Baldeh che si invola da solo dopo la palla persa da Ricossa, scarta Marone in uscita e deposita in rete il 3-1 che sembra chiudere definitivamente i giochi. Il Fc prova a reagire con Coria, che per poco non inquadra la porta. La rete arriva finalmente al 38′, con Piccioni, che sigla in spaccata il 3-2 proprio sull’assist dell’ispirato argentino, sacrificato a lungo in panchina. Subito dopo l’ex punta della Recanatese riceve palla a centro area da Carbonaro, si gira e batte ancora Pellegrino: clamoroso uno-due, che vale l’inaspettato pareggio. Incontenibile nell’occasione Coria, che è andato a recuperare palla nella propria metà campo, risolvendo una pericolsa ripartenza. In pieno recupero Carbonaro avrebbe perfino l’opportunità per ribaltarla definitivamente, ma il suo tentativo termina alto sulla traversa. Per la punta palermitana consueta generosità al servizio della squadra ma soltanto un gol in stagione. Poi al 96′ ci riprova Piccioni con un diagonale dal limite: sulla respinta corta di Pellegrino, Bevis calcia incredibilmente alle stelle. Finisce 3-3 ed è un punto guadagnato per come si era messa la partita ma sono due punti persi in chiave promozione. E il tempo per un eventuale recupero si sta esaurendo.

Piccioni

Piccioni ha firmato una doppietta in due minuti

Il tabellino. Marina di Ragusa-Fc Messina 3-3
Marcatori: al 9′ pt Manfrè (R), al 2′ st Lodi (FC) su rigore, all’8′ st Brunetti (R), al 31′ st Baldeh (R), al 38′ st e al 39′ st Piccioni (FC).
Marina di Ragusa: Pellegrino, Dibari, Monteleone, Mauro, Cervillera, Puglisi, Inzoudine, Brunetti, Schisciano, Manfrè (35′ st Mistretta), Baldeh. In panchina: Alvani, Pietrangeli, Giuliano, Mannoni, Castellino, Cannia, Tripoli, Lavardera. Allenatore: Nigro.
Fc Messina: Marone, Marchetti D., Carbonaro, Palma (13′ st Agnelli), Casella, Lodi, Fissore (31′ st Bevis), Ricossa, Arena (31′ st Coria), Piccioni, Bianco. In panchina: Monti, Da Silva, Romano, Marchetti A., Mukiele, Cangemi. Allenatore: Costantino.
Arbitro: Viapiana di Catanzaro.
Assistenti: Carella de L’Aquila e Miccoli di Lanciano.
Note – Ammoniti: al 17′ pt Casella (FC), al 36′ pt Puglisi (R), al 2′ st Baldeh (R), al 4′ Dibari (R), al 6′ st Fissore (FC), al 47′ st Coria (FC). Corner: 1-10. Recupero: 0′ pt e 6′ st.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva