Igea Virtus, Santamaria non ha preferenze: “Vibonese e Troina due grandi squadre”

Alfrendo SantamariaAlfrendo Santamaria in azione con la maglia dell'Igea Virtus

Ancora qualche giorno di pazienza, poi l’Igea Virtus conoscerà l’avversaria da affrontare ai playoff. Alla squadra di Peppe Raffaele toccherà la perdente di Vibonese-Troina, lo spareggio per il primo posto che si disputerà, probabilmente, al “Granillo” di Reggio Calabria. La regular season dei giallorossi si è chiusa con una sconfitta in casa della Palmese, che ha confermato una leggera flessione di Merkaj e compagni nell’ultimo mese e mezzo, addolcito dai successi di Palazzolo e con l’Ebolitana. L’annata dei barcellonesi rimane, comunque, straordinaria. Per la seconda stagione consecutiva i giallorossi hanno stravolto i pronostici, stando sempre a stretto contatto con le corazzate del campionato, offrendo un calcio di ottima qualità e valorizzando giovani interessanti.

Igea Virtus

Alfredo Santamaria (foto Nocerinalive.it)

L’ennesimo successo di un progetto tecnico che punta a trarre il massimo, nonostante il budget a disposizione non sia paragonabile a quello di altre realtà. Tornando al campo, il difensore Alfredo Santamaria ha già la testa allo spareggio e per lui Vibonese o Troina non fa alcuna differenza: “Sono due grandi squadre, costruite per vincere, non mi stupisce che siano arrivate a questo punto. Ci aspetterà una gara difficile, ma ce la vogliamo giocare fino alla fine. E’ vero, la sconfitta in casa con il Troina di due mesi fa ha pesato un po’ per il proseguo della stagione, ma non ho nessun tipo di preferenza tra l’una e l’altra, vogliamo giocare ed esprimere il nostro calcio anche in questi playoff”.

Esultanza igeana: Cittanovese battuta 4-2

L’Igea potrà contare su un aspetto mentale da non sottovalutare, visto che dall’altra parte ci sarà comunque una squadra che avrà perso uno spareggio per la promozione diretta: “Sicuramente perdere uno spareggio rappresenta sempre un duro colpo per chiunque senta l’obiettivo vicino e lo vede sfumare proprio all’ultimo chilometro. Noi però dobbiamo pensare al nostro cammino ed alla nostra preparazione perché adesso arriva il momento caldo della stagione, quello in cui ogni errore può risultare determinante”.

L’Igea, però, potrà contare sulla sfrontatezza e sulla vivacità che ne hanno caratterizzato il cammino sin qui: “Sappiamo di avere delle armi a nostra disposizione, siamo un bel gruppo che sta bene insieme e ci divertiamo a giocare, questo è fondamentale. Magari nessuno immaginava che facessimo un campionato di questo livello, questo però fa dell’Igea Virtus una solida realtà della serie D e non una protagonista occasionale. Abbiamo sempre ragionato partita per partita, esattamente come ci ha detto il mister, questa è la nostra forza”.

Messina

Igea Virtus in campo (foto Chillemi)

Per farlo però toccherà recuperare quella brillantezza che solo a sprazzi si è vista nell’ultimo periodo: “Magari una volta svanito il sogno primo posto ci siamo concentrati un po’ sui playoff. Fisicamente ci siamo preparati, abbiamo lasciato qualche punto per strada e questo ci è costato molto ai fini della classifica finale, ma volevamo essere pronti per questo appuntamento e così sarà”.  

Commenta su Facebook

commenti