I Tigers Forlì riscattano il ko di Catanzaro. Lo Sport Patti lotta un tempo e mezzo

Tigers Forlì

La Global Sistemi Forlì si riscatta prontamente dopo il clamoroso harakiri di Catanzaro ed infligge una dura sconfitta allo Sport Patti per 82-56 (27-10; 39-30; 61-43). I Tigers conquistano così fra le mura amiche due punti preziosi che, vista la sconfitta casalinga di Cassino contro Napoli, valgono l’aggancio definitivo proprio alla Virtus Cassino a quota 14 punti, nell’attesa che il Basket Barcellona disputi il proprio match contro la corazzata Palestrina. Qualora i laziali espugnassero il PalAlberti, alla Global Sistemi si spalancherebbero le porte del sesto posto, in piena zona playoff. Domenica prossima ultimo match del 2016 a Viterbo, penultima in classifica con 4 punti. E poi spazio alla pausa natalizia.

Il primo quarto mette subito in luce il divario tecnico fra le due formazioni. I Tigers schiumano rabbia per la sconfitta di Catanzaro e, forse non a caso, è proprio Forti, autore di 3 falli nei primi 3 minuti giovedì scorso, l’uomo più incisivo per la compagine di Di Lorenzo. Il doppio 2/2, da tre ed ai liberi, del playmaker forlivese, fa volare subito la Global Sistemi sulle ali dell’entusiasmo e quando la sirena manda le squadre al primo mini-intervallo, il percorso netto dalla lunetta di Giovara porta Forlì sul 27-10. In casa Patti pesa l’assenza del georgiano Babilodze.

Nel secondo quarto gli arancioneri devono temporaneamente fare i conti con i propri fantasmi. Coach Sidoti presidia l’area con il granitico Waldner (13 punti per lui) e la nebbia, che fuori avvolge il VillaRomiti, fa capolino anche sul parquet. Il lungo pattese sposta gli equilibri e piano piano i siciliani ricuciono lo strappo, con Forlì che negli ultimi 5 minuti prima dell’intervallo subisce un parziale di 7-0. E’ il 12/16 ai liberi a tenere comunque i romagnoli avanti nel punteggio, contro il 4/6 ospite.

Al rientro dagli spogliatoi la partita vive la fase meno accattivante dal punto di vista dello spettacolo: tanti gli errori da una parte e dall’altra. A 4′ dalla fine del terzo quarto Di Lorenzo chiama time out e Forlì torna a volare. Dal 51-42, in appena 4 minuti di gioco si passa al 61-43 di fine terzo quarto, grazie alle numerose palle recuperate e alla tripla di Rombaldoni.

Waldner (Patti) in lunetta

Waldner (Patti) in lunetta

L’ultimo quarto è pura accademia, con i siciliani che si fanno prendere dallo scoramento e i Tigers che cominciano a sentire il peso dei due overtime di appena 48 ore prima. Minuti in campo anche per il giovanissimo Alberto Biffi, che mette tanta grinta sui legni del Villa Romiti e segna 2 liberi. Top scorer del match è Giacomo Cicognani che dalla durissima battaglia con Waldner esce con 16 punti e 5 rimbalzi, ma riflettori puntati anche sulla doppia doppia di Luca Fontecchio che, nonostante giochi con discontinuità soprattutto in attacco, porta a casa 14 punti e 10 rimbalzi.

Domenica prossima trasferta in casa della penultima in classifica e poi, dopo la pausa, il 4 gennaio al VillaRomiti sarà di scena la Stella Azzurra, prima di chiudere il girone di andata a Palestrina. Le Tigri sono autorizzate a sognare. Patti non riesce a dare continuità al successo con Barcellona, l’ultimo impegno dell’anno è quindi in programma il 18 dicembre contro la Vis Nova Roma.

Tigers Forlì-Sport Patti 82-56
Parziali: 27-10; 39-30; 61-43
Tigers Global Sistemi Forli: Cicognani 16, Fontecchio 14, Forti 14, Rombaldoni 11, Giovara 8, Myers 6, Agatensi 6, Ghirelli 5, Biffi 2, Villani ne. All. Di Lorenzo. Ass.: Mambelli e Moschini.
Tiri liberi: 26 / 35 – Rimbalzi: 41 8 + 33 Fontecchio 10) – Assist: 16 (Myers 6)
Sport è Cultura Patti: Costantino 13, Waldner 13, Bolletta 11, Antonino Sidoti 8, Gullo 5, Cicivè 3, Busco 3, Mazzullo, Alessandro Sidoti, Ettaro ne. All. G. Sidoti. Tiri liberi: 11 / 16 – Rimbalzi: 34 10 + 24 (Costantino, Bolletta 8) – Assist: 7 ( Busco 3)

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti