Guerriera: “Ci è mancato il cinismo. In Lega Pro si viene castigati al minimo errore”

Guerriera in azione (foto Alessio Costa)
Guerriera in azione (foto Alessio Costa)

Marco Guerriera in azione (foto Alessio Costa)

Tra le note liete della gara pareggiata dal Messina contro il Poggibonsi c’è stata la prestazione di Marco Guerriera. Schierato da esterno destro di centrocampo nel nuovo modulo varato da Catalano, l’ex Milazzo si è fatto apprezzare per quantità e qualità, sfiorando la via della rete e fornendo inoltre uno splendido assist a Corona.

L’1-1 maturato alla fine, per effetto del gol di Scardina, ha però regalato soltanto amarezza. “Meritavamo di vincere e avremmo dovuto chiudere la partita, avendone avuto le possibilità” afferma Guerriera. “Il modulo era stato provato a lungo in settimana, sapevamo come muoverci. Abbiamo trovato gli spazi ed il tempo per le giocate, riuscendo meglio ad accorciare e a chiudere sul portatore di palla. Nel calcio, purtroppo, basta poco per compromettere una gara. Occorreva essere più cinici, siglando il 2-0. Anedda è stato fortunato, respingendo con le ginocchia il tiro a botta sicura di Corona. Rispetto alla serie D il discorso è diverso, in Seconda Divisione le avversarie non perdonano nulla”.

Il tecnico Gaetano Catalano (foto Alessio Costa)

Il tecnico Gaetano Catalano (foto Alessio Costa)

L’esterno giudica così il suo momento: “Contro il Poggibonsi ho sfruttato gli spazi che nel secondo tempo erano maggiori. Peccato, invece, per l’occasione sprecata una settimana prima contro il Foggia. Lì ho avuto una buona palla, ma è stato davvero un pomeriggio no per tutta la squadra. La continuità è fondamentale e sono dunque soddisfatto per essere stato impiegato così tanto. Personalmente sto cercando di dare il massimo per guadagnare la fiducia di tutti”.

Come uscire, dunque, dalla crisi e abbandonare il penultimo posto ? Sprecato clamorosamente il doppio turno casalingo, a Chieti occorrerà svoltare per cercare di risalire al più presto la china. “Alla ripresa della preparazione abbiamo avuto una riunione con il mister e la proprietà, parlando a lungo con il patron Pietro Lo Monaco. Dobbiamo ripartire dalla prestazione di domenica scorsa, soprattutto dalla determinazione mostrata in avvio di ripresa. Non siamo stati né bravi né tantomeno fortunati nemmeno sull’azione dell’1-1. Non mi aspettavo un avvio così delicato, eravamo forse impreparati, ma stiamo lavorando per lasciarci alle spalle questo momento no”.

Con l’ingaggio di Privitera è stato aggiunto un altro tassello ad una rosa che offriva già tante alternative a Catalano. “L’organico è molto ampio. Mi ha impressionato per le sue qualità l’argentino Piovi, con noi già dal ritiro. Bolzan, inoltre, può dare tanto con la sua esperienza. Andremo a Chieti per cercare di ottenere i tre punti, l’unica medicina in questo momento”.

 

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti