Gruppo Zenith Messina, il racconto di una stagione straordinaria. Quarta parte

Penetrazione di Soldatesca

Riviviamo la splendida cavalcata, che ha regalato alla squadra del presidente Zanghì la meritata promozione in serie C Silver. Una stagione esaltante, nel corso della quale la squadra affidata a Dani Baldaro ha conquistato 20 vittorie su 23 gare disputate, mantenendo imbattuto il proprio parquet per il secondo anno. Una girandola di emozioni, dall’esordio nel derby con l’Amatori alla finale vinta in gara 3 con l’Adrano, giocata purtroppo a porte chiuse. (Quarta Puntata)

I giocatori del Gruppo Zenith Messina in fase di riscaldamento

I giocatori del Gruppo Zenith Messina in fase di riscaldamento a Palermo

Il 13 febbraio il Gruppo Zenith Messina torna ancora nel capoluogo siciliano per sfidare il fanalino di coda CUS Palermo. Il mancato arrivo del medico di gara, condizione obbligatoria perché le due squadre scendano in campo, non ha permesso la disputa del match. La vittoria viene assegnata in dal giudice sportivo ai peloritani per 0-20. I due punti permettono agli “Scolari” di rimanere in scia della capolista Balestrate, prossimo avversario del team di Baldaro al PalaTracuzzi.

Francesco Mazzù, per lui il premio più bello a fine gara

Francesco Mazzù, per lui il premio più bello a fine gara

Sabato 21 febbraio è il giorno della partitissima, Messina ospita la formazione alcamese che, oltre ai due punti in più in classifica, vanta anche una differenza canestri favorevole (+10) per via del successo, 70-60, ottenuto all’andata ed è imbattuta da dodici giornate. Di fronte al pubblico delle grandi occasioni, il Gruppo Zenith Messina sfodera la migliore prestazione stagionale ed infligge al team allenato da coach Ferrara una sconfitta pesante (79-55), ribaltando anche la differenza canestri: un sorpasso in piena regola. Sfida equilibrata solo nel primo periodo (18-12), poi l’uscita di Andrè nelle file ospiti si fa sentire, Carnazza e compagni ne approfittano e già al 20’ il vantaggio sale a +17 (43-26). Messina vola sul +25, resiste ai tentativi di rimonta della capolista e nel quarto finale raggiunge un massimo vantaggio di 28 lunghezze per poi chiudere sul +24: missione compiuta grazie ad una grande prova di squadra! Il più sembra fatto, ma la strada verso la promozione è ancora lunga e piena di insidie, anche se mancano due giornate alla fine della regular season.

Selfie celebrativo della vittoria ottenuta a Trapani

Selfie celebrativo della vittoria ottenuta a Trapani

Il 27 febbraio per i messinesi arriva l’ultima trasferta sul campo della giovane Virtus Trapani, una gara facile sulla carta che però si complica notevolmente, nonostante un buon avvio. Senza Russo squalificato e con Buono e Presti in precarie condizioni fisiche, gli “Scolari” scappano via sul 2-11, ma l’infortunio a Mazzù crea problemi al team di Baldaro che al 10’ chiude sul +1 (15-16). A metà gara Trapani conduce per 27-24. Nel terzo parziale i peloritani rimontano fino al -1 (36-35), ma alla mezzora la squadra di casa si riporta sul 42-36. L’ultimo quarto è quello decisivo, Soldatesca e soci tirano fuori gli artigli e piazzano un parziale di 32-10 ribaltando completamente le sorti del match che si chiude sul 52-68. Prova strepitosa di Soldatesca, vero trascinatore della squadra (21 punti alla fine). In doppia cifra anche Carnazza (14), Buono (12) e Catanoso (10).

Calderazzo a canestro da sotto

Calderazzo a canestro da sotto

Passato lo spavento, il Gruppo Zenith torna a giocare fra le mura amiche e nell’ultima gara della stagione regolare affronta l’Or.Sa. Barcellona, ormai matematicamente salva. Gara piacevole al PalaTracuzzi, per mezzora la compagine barcellonese tiene testa alla capolista, grazie alle alte percentuali al tiro dall’arco. Messina, trascinata da Carnazza (28 punti alla fine) tiene botta e nel quarto finale piazza un break di 10-0 firmato da Buono. È il preludio al successo, il sedicesimo in campionato, per la squadra allenata da Baldaro, che manda in doppia cifra anche Buono (16) e Russo (14). Finisce 80-70: il primo posto è in cassaforte. Il Gruppo Zenith Messina accede ai play off nei quali affronterà la Salusport Priolo, quarta classificata del girone Orientale.

Continue e puntuali le indicazioni di Baldaro

Continue e puntuali le indicazioni di Baldaro

Messina per la seconda volta consecutiva in due stagioni accede alla post season, eliminata l’anno scorso dal Canicattì, ci riprova questa volta ma con maggiori possibilità, per via delle due promozioni previste dal regolamento. Il primo appuntamento per gli “Scolari” è a Priolo, in gara 1 della semifinale. Il 12 marzo la squadra del presidente Zanghì sbanca il “Polivalente” al termine di una sfida intensa. Senza Mazzù infortunato, i peloritani chiudono sotto di un punto al 10’ (13-12). Nel secondo periodo il sorpasso griffato Buono, Presti e Soldatesca, ma Priolo non molla e si va al riposo lungo sul 29-31. Il match si decide nel terzo parziale, con un break di 20-7 i messinesi stroncano definitivamente le velleità dei siracusani e nel quarto finale gestiscono al meglio il vantaggio accumulato, vincendo per 66-54. Il successo, fondamentale ai fini della qualificazione alla finale, ha come protagonista uno straripante Gigi Russo, autore di 23 punti: vero padrone del pitturato. Carnazza (14) e Buono (12) gli altri giocatori in doppia cifra.

Serie D Regionale

Gruppo Zenith Messina – Salusport Priolo. Una fase del match

Con un +12 a favore, il 20 marzo la Basket School Messina ospita Priolo nel match di ritorno e ottiene la qualificazione alla finale vincendo per 71-46. Affermazione agevole. Catanoso e soci partono forte e già al 10’ (26-9) fanno intendere che hanno un solo obiettivo: la finale. Priolo cerca di rientrare (33-22) a metà gara, ma la squadra di Baldaro non fa sconti e si porta sul +23 (52-29). Gara praticamente in ghiaccio, Messina gestisce fino al termine, nonostante l’assenza di Soldatesca e con Mazzù in panca per onor di firma. Buono (20), Carnazza (18) e Catanoso (15) i migliori realizzatori fra i messinesi che accedono alla finale dei play off dove troveranno lo Sporting Club Adrano.

Continua.

Commenta su Facebook

commenti