Giuliano: “Momentaneamente sospeso il rapporto con l’ACR. Spero di salvare il Priolo Basket”

Paolo Giuliano
Paolo Giuliano

Paolo Giuliano

La sua assenza al “San Filippo” non è passata inosservata, anche perché le sue previsioni su marcatori e risultati hanno spesso portato fortuna al Messina nel corso della passata stagione. Ad originarla il fatto che il direttore generale Paolo Giuliano ha momentaneamente interrotto il suo rapporto con l’ACR e quindi il “silenzio stampa” imposto a tutti gli altri dirigenti e tesserati non lo riguarda. “Ho sospeso la mia collaborazione con il Messina soltanto per motivi personali e familiari che mi trattengono a Siracusa. Impedimenti che non mi avrebbero consentito di essere presente allo stadio. Per la prima volta dopo tanti anni il mio nome non è inserito in un organigramma societario. Tengo comunque ad evidenziare che non c’è alcun problema con la famiglia Lo Monaco. Con il patron ci siamo sentiti fino a qualche settimana fa e sinceramente spero di chiamarlo presto per fargli i complimenti per una vittoria. Non so se nell’immediato futuro cambierà qualcosa, non abbiamo parlato di progetti e programmi. Non ho comunque proposte alternative”.

Il patron Pietro Lo Monaco

Il patron Pietro Lo Monaco

L’ultima sconfitta rimediata dai giallorossi contro il Foggia lo ha colpito. Il dirigente non riesce a spiegarsi l’avvio di stagione sottotono della squadra di Catalano. “Il gruppo è stato rinforzato ed è migliore dell’anno scorso; sinceramente mi addolorano questi risultati. A distanza non riesco neppure a capire cosa non stia andando per il verso giusto. Di certo c’è anche tanta sfortuna. Lo 0-3 contro il Foggia, squadra che fa il suo rientro tra i professionisti, mi ha davvero sorpreso. Con il Siracusa li battemmo sia all’andata che al ritorno, imponendoci 2-0 in Puglia davanti ad 8.000 spettatori e poi superandoli per 3-1 in casa. Mi manca Messina – aggiunge Giuliano – e considerato questo inizio a singhiozzo direi che vi manca anche un po’ della buona sorte trasmessa dalle mie previsioni… Ad ogni modo se matureranno le condizioni tornerò al mio posto”.

Sul Siracusa, invece, il suo commento è particolarmente amaro: “È una ferita aperta, che non si rimargina e non ho intenzione di riaprirla. Non ripartirò assolutamente dall’Eccellenza, nonostante le loro proposte. Non ho neanche acconsentito all’utilizzo del vecchio logo societario, anche perché il futuro di questa nuova realtà mi sembra ancora nebuloso”.

Giuliano durante i festeggiamenti per la promozione

Giuliano durante i festeggiamenti per la promozione del Messina lo scorso 5 maggio

I suoi sforzi sono per il momento concentrati sul Priolo Basket, altra realtà che sta vivendo una fase drammatica. “Sto cercando di salvare questa storica squadra, che domenica scorsa per la prima volta in 27 anni non ha partecipato ad una gara del massimo campionato. Potrebbe esserci la radiazione, se non si presenterà nuovamente sul parquet. È una mia creatura, c’è parte del mio sangue. Anche se non sono più presidente, sto cercando di dare un contributo. È una questione di cuore”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com