Tre giovani riconferme per la “matricola” Costa d’Orlando

Scende di esultanza dei giocatori della Costa d'Orlando

Si va definendo il roster per la prossima stagione in casa della Costa d’Orlando che si prepara al debutto in Serie C Nazionale, un doppio salto dopo essersi imposta nella fase dei play-off regionali della Serie D Regionale, fissato per il 5 ottobre contro Crotone.

Logo ASD Costa d'Orlando

Logo ASD Costa d’Orlando

Per la società del presidente Mauro Giuffrè ormai quasi al completo, altre tre “caselle” hanno trovato i loro padroni. Con atleti giovani e di prospettiva che hanno già mostrato le loro qualità con la canotta biancorossa ed ora sono attesi ad esprimersi a nuovi livelli. Parliamo di Lorenzo Galipò, Marco Micale e Gabriele Crisà.

Un trio di riconferme che si va ad aggiungere a quella di Federico Antinori in un gruppo in cui tanti saranno i volti nuovi giunti a Capo d’Orlando per accrescere la competitività di un club giovane ma fortemente ambizioso: Lorenzo De Lise, Antonio Fazio,  l’argentino Nicolás Domínguez, Roberto Marinello nel reparto “piccoli” e Pietro Vazzana, Luca Sgrò e Tommaso Colombo tra i “lunghi“.

Il trio di riconfermati in casa Costa d'Orlando: Crisà, Galipò, Micale

Il trio di riconfermati in casa Costa d’Orlando: Crisà, Galipò, Micale

Su Galipò, Micale e Crisà ha fortemente creduto il coach e direttore sportivo Peppe Condello  che li conosce particolarmente bene, avendone lo stesso contribuito in prima persona alla crescita nel settore giovanile dell’Orlandina Basket.

Gabriele Crisà è un playmaker classe 1993 di 175 centimetri, formatosi all’Orlandina e con all’attivo anche un’esperienza in Serie D con Spadafora. «Sono molto contento di far parte del progetto Costa d’Orlando – rivela Crisà – e soprattutto di continuare a lavorare con coach Condello, allenatore con cui sono cresciuto e a cui mi lega un grande rapporto. Per me è un onore essere qui, con i compagni c’è stato fin da subito ottimo feeling e sono pronto a lavorare per migliorarmi e affrontare avversari di livello superiore. Quello di C Nazionale è un torneo impegnativo, la squadra però ha buone potenzialità quindi credo che con impegno potremo toglierci diverse soddisfazioni»

Un play-guardia di 175 centimetri, classe 1994, è invece Marco Micale. Muove i primi passi con la Maurilio Milone, altra compagine cestistica di Capo d’Orlando con cui gioca anche in C Regionale, e dove giocherà anche con la Nuova Agatirno dopo il suo passaggio nel settore giovanile dell’Orlandina Basket. «Dopo i grandi risultati della passata stagione, essere riconfermato dalla Costa è per me un traguardo e una grande soddisfazione – confida Micale –. Ci stiamo preparando ad affrontare questo campionato nel migliore dei modi, puntando in alto con una squadra giovane. Spero di fare bene, quindi mi impegnerò al massimo per difendere questi colori. Ringrazio lo staff tecnico, coach Condello e il presidente Giuffrè per l’opportunità che cercherò di sfruttare al meglio».

Altro under, classe 1994, è la guardia Lorenzo Galipò (189 centimetri) che con Micale ha in comune il percorso formativo nel settore giovanile dell’Orlandina Basket, e le prime esperienze in Serie C Regionale con Maurilio Milone e Agatirno. Un talento giovane, frenato da qualche delicato infortunio che ora punta ad un riscatto personale.  «Il progetto Costa è molto ambizioso – spiega Galipò –. Qui si punta sui giovani e quando c’è stata la chiamata non ho potuto dire di no. Vengo da un brutto infortunio che mi ha tenuto fuori un anno e mezzo per questo non ho ancora potuto esordire ufficialmente con la Costa d’Orlando. Adesso sto finalmente bene, sono carico e darò il massimo per farmi trovare pronto, non vedo l’ora di scendere in campo con questa maglia. Spero di fare bene quest’anno e seguire le orme dei miei zii, magari un domani riuscirò a ritrovare Agostino Origlio, assistant coach in A2 a Ferentino. Il mio sogno è quello di arrivare a quei livelli e per farlo dovrò continuare a lavorare duro e lo farò con coach Condello, un allenatore che mi ha dato tanto e che ringrazio per la fiducia che ripone in me. Il livello del campionato si è alzato, non vedo una squadra favorita rispetto alle altre. Ce la giocheremo con tutti. Puntiamo a vincere più partite possibili e alla fine vedremo dove siamo arrivati. Forza Costa!».

Autori

+ posts