Ferrigno: “Orgoglioso dei ragazzi, ci è mancato solo il gol. Ora bisogna ripartire”

Fabrizio FerrignoDa decifrare il futuro del direttore sportivo Fabrizio Ferrigno

Il ds del Messina Ferrigno commenta la finale di Coppa con il Matelica

Il direttore sportivo del Messina Fabrizio Ferrigno commenta la sconfitta subita nella finale di Coppa Italia di serie D per mano del Matelica

Publiée par Messina Sportiva sur Samedi 18 mai 2019

Amarezza per il risultato, non per la prestazione della squadra. Il direttore sportivo dell’Acr Messina, Fabrizio Ferrigno, lo ha sottolineato al termine della finale di Latina, persa di misura contro il Matelica: “Abbiamo fatto una grandissima partita, peccato perchè potevamo essere più fortunati, anche per qualche decisione arbitrale. C’era un rigore su Carini alla fine, è stato un arbitraggio un po’ all’inglese. Abbiamo fatto bella figura, i ragazzi hanno creduto fino alla fine di poterla recuperare e vincere, sono orgoglioso di loro. Il mister l’ha preparata bene, non si aspettavano il cambio del modulo e col 3-4-3 hanno sofferto. Ci è mancato il gol, l’ultimo tocco, che è stato il problema di tutto l’anno per il Messina”.

La tifoseria, accorsa al “Francioni” per sostenere i giallorossi, è stata ancora una volta la nota lieta per il Messina. “Non è la prima volta che i nostri tifosi vincano la partita al di fuori dal campo, fanno la differenza e non sono certamente da queste categorie. Devono essere comunque orgogliosi, i ragazzi hanno dato l’anima, ho fatto i complimenti a tutti”.

Acr Messina

L’undici titolare dell’Acr Messina (foto Nino La Macchia)

La proprietà è stato però pesantemente contestata anche in occasione della finale. “Qualche errore è stato commesso, ora passeranno due o tre giorni, poi ci incontreremo con la proprietà per mettere giù un programma e ripartire con serenità. Senza pubblico ed un ambiente compatto è inutile che si faccia una squadra per arrivare primi. Quando a Messina si è vinto, anche quando c’ero io in passato, si remava tutti dalla stessa parte. C’è un’arrabbiatura per come sono andati questi anni, ora bisogna ripartire. E’ un po’ presto per dire da chi, prima di fare una squadra faremo delle valutazioni in toto. Ai ragazzi dico che sono stato orgoglioso di essere il loro ds nell’ultimo mese e mezzo. In campo hanno dato tutto”.

Commenta su Facebook

commenti