Ferrigno: “Completata la rosa. La proprietà non ha badato a spese per raggiungere l’obiettivo”

Il ds Ferrigno ed il dg Lo Monaco posano con i quattro acquisti
Il ds Ferrigno ed il dg Lo Monaco posano con i quattro acquisti

Il ds Ferrigno ed il dg Lo Monaco posano con i quattro acquisti (foto Paolo Furrer)

Il Messina ha presentato nella sala stampa del San Filippo gli ultimi quattro acquisti del mercato invernale, gli attaccanti De Vena e Bernardo e i centrocampisti Zaine e Pagliaroli. A fare gli onori di casa è stato il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno: “Abbiamo completato e rinforzato la nostra rosa, che adesso è in grado di fronteggiare eventuali infortuni. Con così tante opzioni ci sarà inevitabile concorrenza e giocherà chi starà meglio. Ci siamo assicurati alcuni giocatori di carattere, che hanno portato nuovo entusiasmo e ci consentiranno di risalire la classifica. Vogliamo raggiungere l’obiettivo finale della C unica e quindi la proprietà non ha badato a spese. C’è più soddisfazione per chi è arrivato che rammarico per chi è partito. Chi non ha fatto bene potrà rifarsi magari altrove. Calcisticamente Guadalupi, Gherardi e Bolzan non hanno inciso fino in fondo, ma umanamente hanno lasciato una traccia ed un buon ricordo. Questa maglia pesa e quando non arrivano i risultati questo si sente particolarmente”.

Nel corso della conferenza stampa De Vena ha chiarito che nonostante la formula con cui è arrivato dal Viareggio, quella del prestito, spera di poter prolungare per tanto tempo la sua permanenza a Messina. Un concetto subito ribadito da Ferrigno: “La realtà è che questa piazza attira tantissimo. Anche Vittorio Bernardo aveva tante richieste ma ha dato subito l’ok, nonostante la posizione di classifica”.

Il dg Vincenzo Lo Monaco e Vittorio Bernardo  (foto Paolo Furrer)

Il dg Vincenzo Lo Monaco e Vittorio Bernardo (foto Paolo Furrer)

Il dirigente ha chiarito una volta per tutte la posizione di Lasagna, che allunga la già vastissima lista dei partenti: “Dopo la sosta natalizia non si è più presentato agli allenamenti, presentando un certificato medico. Era stato con noi a Milazzo e dopo una lunga inattività gli abbiamo dato l’opportunità di rimettersi in gioco. Stiamo cercando la risoluzione contrattuale. Non è da uomini comportarsi così: la sua avventura qui è terminata”.

Il ds è consapevole della rinnovata competitività del torneo: “Anche le formazioni che ci seguono, come Aprilia ed Arzanese, si sono rafforzate tanto. Non ci saranno belle partite, perché la posta in palio è troppo importante. Bisogna badare al sodo e domenica ci attende un test difficilissimo contro un’Aversa Normanna che qualche addetto ai lavori ha sottovalutato all’inizio. A Sorrento hanno conquistato il quarto successo in trasferta ma noi domenica meritavamo qualcosa in più e speriamo subito di rifarci”.

 

 

Commenta su Facebook

commenti