Ferrante: “Avevo le scarpe bucate, Maradona mi regalò le sue. Segnai 16 gol”

Marco FerranteL'ormai ex responsabile dell'area tecnica del Fc Messina Marco Ferrante

L’ex attaccante Marco Ferrante, reduce da un’esperienza dirigenziale nel Fc Messina, ha ricordato Diego Armando Maradona e i suoi trascorsi nelle giovanili del Napoli sulle pagine di Tuttosport: “Per caratteristiche mi rivedevo più in Careca, e forse sognavo di arrivare al suo livello. Anche perché Diego era irraggiungibile per chiunque. Un giocoliere in campo, un giocherellone fuori. Quando esultava, poi, lo faceva come un bambino. Ogni sera chiamavo i miei genitori per spiegargli per filo e per segno tutto quello che vedevo di Diego in campo. Lo guardavo e mi emozionavo per la semplicità con cui faceva le cose. Spesso lo guardavo battere le punizioni e osservavo la posizione dei piedi, come dava una frustata leggera per fare alzare e subito scendere il pallone”.

Ferrante

Un’esultanza di Ferrante con la maglia del Torino

Come testimoniato da tanti altri compagni e colleghi, spiccava poi la sua generosità e Ferrante racconta un episodio significativo: Ai tempi ero un ragazzino ancora acerbo, e lo guardavo estasiato. In campo aveva sempre fame e non è mai stato altezzoso. A noi giovani ha sempre dato una pacca sulla spalla, perché nei nostri sacrifici rivedeva i suoi. Provenivo da una famiglia non benestante, e avevo solo un paio di scarpe da indossare sia per gli allenamenti sia la domenica. La sinistra era un po’ bucata in punta, e Diego mi regalò un paio delle sue Puma con cui poi siglai 16 reti con la maglia del Pisa (nella stagione 1991-1992, ndr). Le conservo ancora, quelle scarpe: rappresentano un ricordo indelebile, come anche altri”. 

Ferrante ha postato poi una sua foto da giovanissimo insieme a Maradona, corredata dal seguente messaggio: “Fiero e orgoglioso di averti conosciuto e di avere avuto la possibilità di giocare con te. Resterai sempre nei nostri cuori, Rip campione”. 

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva