E’ derby per l’Effe Volley, al PalaBucalo arriva il Messina Volley

L'Effe Volley Santa Teresa

L’Effe Volley torna a giocare tra le mura amiche e sabato 15 novembre alle ore 18,30 attende la visita del Messina Volley al Palabucalo. Un derby tutto messinese tra la compagine del presidente Mario Rizzo ripescata al fotofinish e la squadra jonica reduce dal brillante successo esterno di Barcellona. In graduatoria il team santateresino conduce solitaria con nove punti in tre gare, nove set vinti e zero persi. Il Messina Volley conta quattro punti frutto di una vittoria all’esordio contro l’Andros Palermo e due sconfitte di cui una (l’ultima) al tie-break contro il Giavì Pedara.

Claudio Matarro, coach Effe Volley

Claudio Matarro, coach Effe Volley

La gara sulla carta può sembrare facile ma presenta parecchie insidie, le atlete rossoblu dovranno affrontare una squadra seppur giovane però ben coesa e ben guidata da parecchi anni dal coach di origini letojannesi Danilo Cacopardo. Sarà un nuovo banco di prova per vedere se la concentrazione della neo capolista sarà uguale in tutte le partite e se i progressi registrati nella terra del Longano verranno confermati anche in questa occasione. La squadra ha sostenuto un lavoro infrasettimanale di routine, coach Claudio Mantarro, che in settimana ha provato tutte le soluzioni tattiche da mettere in pratica nel corso del match, dovrebbe avere tutte le componenti del roster a disposizione.

Karen Tracinà

Kareen Tracinà

Conferenza stampa di vigilia per una delle nuove arrivate, Kareen Tracinà, centrale sorella gemella di Sharon, giovanissima lo sorso anno in serie C dopo essere cresciuta nel vivaio del Pedara. “Dopo la vittoria bella e rotonda di Barcellona – esordisce la giocatrice catanese – questa settimana siamo con l’attenzione rivolta al derby di sabato col Messina Volley, una partita importante che a dispetto dei pronostici per noi non sarà assolutamente facile. Siamo determinate ad arrivare alla seconda pausa del campionato con altri tre punti in cascina. Al momento non guardiamo la classifica – conclude la Tracinà – perché sono state disputate solo tre gare, ma comunque vedersi in vetta è un motivo di soddisfazione che ci sprona a fare sempre meglio”.

Commenta su Facebook

commenti