“Daspo” di tre anni per un tifoso. Ha invaso il settore ospiti in Milazzo-Modica

QuesturaL'ingresso del Commissariato di Milazzo

Divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive per il tifoso ventottenne che, lo scorso 30 novembre, in occasione dell’incontro tra S.S. Milazzo e Polisportiva Modica Calcio, tenutosi a Milazzo, si è reso responsabile di condotte che incitavano e inducevano alla violenza, tali da creare pericolo per la sicurezza pubblica e da turbare l’ordine pubblico. Queste le prescrizioni del “Daspo” deciso dal Questore Gabriella Ioppolo dopo l’indagine svolta dai Poliziotti del Commissariato di Milazzo. A ciò si aggiunga l’interdizione ai luoghi interessati dalle partite, comprese strade, stazioni e persino esercizi pubblici.

Questura

La Questura ha emesso un Daspo a carico di un tifoso del Milazzo

Alla base del provvedimento, la condotta del tifoso durante la partita in questione: il ventottenne non ha esitato ad arrampicarsi sulla ringhiera in metallo che separa la gradinata e il campo di gioco dello stadio “Marco Salmeri”, quindi ha raggiunto il settore dedicato ai tifosi ospiti oltrepassando un settore cuscinetto e, con fare minaccioso, ha inveito ripetutamente contro gli avversari, slacciandosi altresì la cintura dei pantaloni e colpendo con la stessa la recinzione di separazione degli spalti.

Infine, ha scosso con forza uno dei cancelli d’ingresso cercando invano di aprirlo. Pertanto il Questore ha firmato il “Daspo” che, oltre a quanto sopra indicato, prevede ulteriori disposizioni convalidate dall’Autorità Giudiziaria, ossia l’obbligo a presentarsi presso il preposto ufficio di polizia al 25° minuto del primo tempo e al 25° minuto del secondo tempo di ogni partita della squadra “S.S. Milazzo”, al fine di verificare il rispetto delle prescrizioni imposte.

Autori

+ posts