Corte Federale, ridotta da 12 a 2 punti la penalizzazione della Reggina

Un'esultanza dei calciatori della Reggina

La Corte Federale D’Appello a Sezioni Unite ha accolto in parte il ricorso presentato dalla Reggina, riducendo da 12 a 2 i punti di penalizzazione in classifica da scontare nella corrente stagione sportiva. Ridotta da 13 a 2 mesi anche l’inibizione nei confronti del presidente del Cda della Reggina Pasquale Foti. La società amaranto era stata sanzionata dal Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare per alcune irregolarità amministrative segnalate dalla CO.VI.SO.C., relativamente al caso degli incentivi all’esodo e dei contributi Inps e Irpef non pagati. Ben dieci i punti restituiti, come auspicava il club calabrese, mentre due sono risultati inappellabili.

Lillo Foti, presidente della Reggina

Lillo Foti, presidente della Reggina

Uno sconto che porta gli amaranto – con il precedente provvedimento retrocessi in D – a quota 21, sempre in coda, ma dunque a quattro lunghezze dal Savoia penultimo in  graduatoria nel girone C di Lega Pro. Un margine in teoria ancora colmabile a 180′ dal termine per agganciare i playout ed evitare il declassamento diretto. Questa la nuova classifica: Salernitana 79, Benevento 72, Matera, Juve Stabia 66, Casertana 65, Lecce 63, Foggia 60, Catanzaro 50, Melfi 45, Cosenza 44, Vigor Lamezia 43, Barletta 41, Lupa Roma 40, Martina 37, Paganese 36, Messina 31, Ischia 30, Aversa Normanna 29, Savoia 25, Reggina 21.

Commenta su Facebook

commenti