Contributi regionali, dato in controtendenza. La Fip Sicilia è al 7° posto

Logo FIP Sicilia

Si accendono i riflettori sulla vicenda relativa all’erogazione dei contributi regionali destinati alle federazioni per lo svolgimento dell’attività sportiva. Con chiarezza il Comitato Regionale ci ha illustrato alcuni dati esaustivi che completano la vicenda e chiarificano il ruolo assunto dal massimo organo collegiale del basket isolano. Va infatti segnalato come le federazioni finanziate dal governo centrale in Sicilia sono ben 52 e la pallacanestro si inserisce al settimo posto, sopravanzandone ben 45, un dato in controtendenza col recente passato che vedeva costantemente la Fip relegata più indietro nella graduatoria finale.

Antonio Rescifina

Il presidente regionale della FIP Antonio Rescifina

Dal punto di vista economico i 27000 Euro rappresentano un’addizione rispetto ai 24000 Euro erogati negli ultimi anni, un dato che certamente il Comitato, che nel corso del tempo ha assunto una gestione diretta dei contributi, proverà ad incrementare in futuro ma che va suddiviso tra circa 150 società sportive della palla a spicchi, un numero che va quantificato con quelle regolarmente iscritte al Coni. Se infatti il paragone col calcio appare fuori luogo per i numeri di tesserati che ha il primo sport italiano nell’isola, le primissime federazioni della classifica, come la pallavolo, sopravanzano la pallacanestro per un numero almeno doppio di società attive sul territorio. Le arti marziali, di contro, racchiudono in una ben quattro federazioni (Judo – Lotta – Karate – Arti Marz.) che sommano un indotto considerevole così come la pesca e le attività subacquee che contano numerosissimi appassionati.

Per concludere il Comitato ha precisato che, una volta messo nelle condizioni di operare, dopo essere stato sollecitato il suo intervento lo scorso 10 agosto, il 31 dello stesso mese, nonostante gli uffici chiusi, ha formalizzato e stilato il Regolamento Generale che ha il compito di stilare i criteri di assegnazione dei contributi tra le società, partendo dalle minors fino ad arrivare alle società di serie A.

Commenta su Facebook

commenti