Catalano: “Lavoro e serenità ci hanno restituito un bel Messina”

La rete di Guazzo, che ha sbloccato la sfida dell' "Arechi"
La rete di Guazzo, che ha sbloccato la sfida dell' "Arechi"

La rete di Guazzo, che ha sbloccato la sfida dell’ “Arechi”

Nonostante l’eliminazione il tecnico del Messina Gaetano Catalano è sicuramente confortato dall’ottima prova offerta dai suoi all’“Arechi” contro la Salernitana: “Sono soddisfatto perché la squadra ha avuto finalmente un buon approccio. Abbiamo tenuto vari titolari a riposo ed i loro sostituiti si sono dimostrati già pronti. Ritengo che la squadra abbia offerto un’ottima prova, nonostante il cambio di modulo in corsa, con il passaggio dal 4-3-3 iniziale al 4-2-4 della seconda parte della sfida”.

Ai microfoni di Radio Antenna dello Stretto, l’allenatore peloritano ha rimarcato i progressi, evidenti anche rispetto all’uscita di tre giorni prima al San Filippo: “La squadra sta crescendo gradualmente. Personalmente non avevo mai avuto dubbi. Con i recuperi degli infortunati vedremo un Messina più propositivo e con maggiore qualità. Costa Ferreira rigenerato? Domenica abbiamo pagato la troppa pressione, dal momento che contro l’Aprilia eravamo obbligati a vincere. Questo ci ha bloccato un po’ e non siamo riusciti ad esprimerci come volevamo, ma con il lavoro e la serenità sistemeremo tante cose. Le qualità di questo gruppo sono enormi ed emergeranno”.

Ettore Mendicino prova a sfondare sulla fascia, ma l'esterno del Messina Giuseppe Quintoni fa buona guardia.

Ettore Mendicino prova a sfondare sulla fascia, ma l’esterno del Messina Giuseppe Quintoni fa buona guardia.

Tra le note liete anche il positivo esordio dell’esperto Iuliano e del giovane Guilana e le ottime risposte arrivate da un altro under, Buongiorno: “Marc e Daniele sono due ’94 sui quali puntiamo tanto. Guilana era alla prima partita in assoluto e ha mostrato una grande tenuta, anche nei supplementari. Buongiorno non si ferma mai: ha ottenuto lo spazio che meritava e ci potrà dare una grossa mano”.

In ottica campionato pesano ovviamente le perduranti assenze degli infortunati: Maiorano e Guadalupi sono fondamentali per noi ma io non mi sono mai lamentato per le assenze. Chiaria è rimasto a Messina, ma per la gara di campionato ad Aversa rispetto a questa sera recupereremo Bucolo e Parachì. Il gruppo è molto valido e basta poco per invertire la rotta. Siamo sulla strada giusta, troveremo presto la quadratura”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com