Cassia: “Poco veloci e fluidi, turn-over inefficace”. La sua conferenza stampa

Loreno Cassia in sala stampaLoreno Cassia in sala stampa

Considerata la squalifica di Gaetano Auteri, sulla panchina e nella sala stampa del Benevento spazio per il suo vice Loreno Cassia, che ha analizzato così la sfida con il Messina: “La squadra non si è espressa ad alti livelli, non siamo stati bravi a rendere il gioco più veloce e fluido ed abbiamo pagato la distanza tra i reparti. Nel momento in cui potevamo vincere siamo calati perché molti erano in debito d’ossigeno. Facciamo tesoro dell’esperienza: non eravamo campioni prima e non siamo brocchi ora”.

L'allenatore in seconda del Benevento Loreno Cassia in panchina (foto Armando Russo)

L’allenatore in seconda del Benevento Loreno Cassia in panchina (foto Armando Russo)

Sotto accusa l’eccessivo turn-over: “Credevamo negli undici in campo e nei cambi fatti: forse qualcuno ha pagato l’esordio in campionato e non abbiamo raccolto i frutti sperati. Sotto l’aspetto dell’impegno comunque nulla da dire. Abbiamo la possibilità di mettere due squadre in campo senza avere ripercussioni, ma questa volta non è stato così”. Inevitabile un riferimento all’accesso finale: Cissè? Vittima di un’aggressione, si è difeso: non lo giustifico ma ha ricevuto prima il calcio di Martinelli e poi è arrivato il portiere che lo ha colpito causando la reazione. Ci siamo fatti trasmettere nervosismo da loro”.

Benevento

I sostenitori del Benevento presenti in gran numero al “Vigorito” (foto Armando Russo)

Il Messina ha avuto il merito di non concedere davvero nulla: “Sappiamo che giocheremo molte partite contro avversari che si chiudono a riccio e contro i quali avremo difficoltà ad aprire varchi interessanti. Siamo stati anche sfortunati con i due pali. Non dobbiamo dare colpe ai singoli perché il tutto deriva anche dall’avversario che abbiamo trovato di fronte. Ci è mancata la zampata vincente, siamo mancati negli ultimi venti metri”.

Cassia si è soffermato infine sui singoli: Ciciretti non è stato inserito perché abbiamo dovuto effettuare delle sostituzioni per problemi fisici. Marano e Vitiello sono ottimi giocatori e possono convivere. Valuteremo nei prossimi giorni l’eventuale impiego ad Andria di Marotta: il ragazzo si sta allenando. Dobbiamo aspettare sia lui che Mucciante”.

Commenta su Facebook

commenti