Cassani: “La caduta di Nibali mette a rischio la sua presenza a Vuelta e mondiale”

Vincenzo NibaliNibali sollevato da terra: l'immagine trasmessa nei maxi-schermi all'arrivo (foto Ansa)

“Vincenzo Nibali aveva due obiettivi, il Tour e il campionato del mondo. La caduta in Francia potrebbe compromettere anche il secondo. Perché se riuscirà a recuperare in due settimane c’è il tempo per presentarsi alla Vuelta e poi fare il mondiale. Se dovesse star fermo tre settimane, diventerà un grosso problema e probabilmente dovrà dire addio anche al campionato del mondo”.

Nibali e Cassani

Vincenzo Nibali insieme al ct della Nazionale Davide Cassani

A lanciare l’allarme il ct della Nazionale di ciclismo, Davide Cassani, a margine della presentazione del Trofeo Coni 2018 a Bologna. “Ma bisogna aver fiducia – ha detto il ct –. Sono comunque in continuo contatto con lui, con il direttore sportivo, con il medico e quindi speriamo possa risalire in bici al più presto”. Cassani ha poi aggiunto che è atteso per la prossima settimana l’eventuale ok dei medici per ricominciare ad allenarsi.

“Lui non può far altro che aspettare – ha aggiunto Cassani -. Ora può andare in piscina, fare un po’ di magnetoterapia. Quando hai problemi alla schiena come lui devi stare fermo e aspettare”. L’eventuale forfait di Nibali sarebbe ancora più amaro viste le caratteristiche del mondiale di Innsbruck: “E’ una disdetta perché un Campionato del mondo così, disegnato così, così impegnativo era fatto apposta per Vincenzo”.

Davide Cassani

Il ct della Nazionale azzurra Davide Cassani

Quanto al suo stato d’animo, Nibali da campione che non si esalta quando vince e non si deprime quando le cose vanno male “lui che è ancora più campione di altri, l’ha presa con filosofia e con quella serenità necessaria poi per ripartire”. Ma se per il siciliano, non si può che sperare, Cassani non dimentica gli altri possibili protagonisti azzurri, come Fabio Aru: “L’ho sentito, si sta allenando molto bene, ricomincerà a correre tra qualche giorno al giro della Vallonia, parteciperà al giro di Polonia e naturalmente alla Vuelta. Quindi bisogna essere fiduciosi. Per il mondiale speriamo, alla fine un po’ di fortuna ci vorrà, non è che hai sempre tutto contro”.

Commenta su Facebook

commenti