Capuano: “Grandissimo Messina, pesa errore sul gol. Damian? Giusto cambiarlo”

Eziolino CapuanoIl tecnico del Messina Eziolino Capuano (foto Emilio D'Averio)

Non si fascia la testa Eziolino Capuano, dopo il primo ko della sua gestione: “In campo ho visto un grandissimo Messina a cui posso soltanto fare i complimenti. Abbiamo avuto un ottimo palleggio e distribuzione della palla, sbagliando l’impossibile. La squadra è in crescita notevole sotto tutti i punti di vista. Sono troppo vecchio per abbattermi per una sconfitta: mercoledì avevamo fallito alcune cose, oggi siamo migliorati in modo esponenziale”.

Simonetti

Simonetti opera un traversone (foto Pietro Marzo)

Al tecnico che tornava da ex a Castellammare non è andato giù l’errore che è costato la partita: “Hanno vinto senza mai tirare in porta. Il gol è arrivato su un fallo laterale che era nostro: ci siamo fermati a protestare ma non dovevamo rimanere imbambolati. C’è un errore collettivo clamoroso e un gol che onestamente non si può prendere. I dettagli fanno la differenza. Non abbiamo subito nulla nelle ultime due gare, in cui Lewandowski è stato inoperoso”.

Paradossalmente Capuano si rammarica più per la disattenzione dietro che per gli errori sotto porta: “Se sbagli un gol a un metro dalla porta ci può stare. Nel secondo tempo abbiamo cambiato sistema di gioco e siamo rimasti compatti. Abbiamo offerto una grandissima prestazione, ma chi vince spiega e chi perde sta zitto. È come nella boxe, dove magari massacri un avversario per dodici riprese, poi lui ti dà un cazzotto e finisci a terra e perdi”.

Lewandowski

La presa di Lewandowski (foto Emilio D’Averio)

L’allenatore lucano difende poi con vigore le sostituzioni effettuate nel corso della ripresa: Damian è uscito perché non raddoppiava e non stava bene fisicamente. Nella mia squadra non esistono insostituibili e d’altronde nel gioco del calcio può essere sostituito Mbappé. Il cambio era nell’interesse del gruppo. Una scelta tattica e il campo ha detto che è stata una sostituzione corretta, anche se io grande stima e considerazione di Filippo”. 

Il Messina si è schierato a trazione offensiva soltanto dopo lo svantaggio e per Capuano non avrebbe avuto senso farlo prima: “Era una partita a scacchi, ci sono delle letture. Quando rompi una struttura li puoi mettere in difficoltà. Se avessimo giocato così dall’inizio magari ci avrebbero perforati prima. Siamo cresciuti per qualità di gioco e nell’ultima mezzora con il fraseggio e l’uomo in più sulle corsie li abbiamo costretti ad arretrare”. 

Eziolino Capuano

Eziolino Capuano saluta e ringrazia il pubblico stabiese (foto Antonio Russo)

L’ex tecnico del Potenza rimarca le palle gol costruite e sostiene infine che la squadra non abbia peccato in termini di coraggio e consapevolezza: “Lavoro soltanto da una settimana. Pecchiamo di personalità? Siamo una squadra giovane e soltanto sulle seconde palle è mancato qualcosa. Vukusic ha avuto un’ottima palla già nel primo tempo. Baldé ha avuto una grande chance nella ripresa. Entravamo con facilità sia da destra che da sinistra, mentre loro non hanno messo un cross in mezzo. Quando abbiamo accorciato di più li abbiamo massacrati”.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma