Bia conferma l’interesse per Galuppo: “Il Messina si è fatto avanti”

C’è una nuova pista per la difesa del Messina. Il patron Pietro Lo Monaco ed il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno hanno bussato anche alla porta di Giovanni Bia per chiedere informazioni sul 28enne Alberto Galuppo. La conferma arriva direttamente dal procuratore, titolare della “Bia Soccer Agency”, che gestisce “stelle” del calibro di Cigarini, Faraoni, Dessena e Macheda. “Abbiamo parlato con il Messina – ammette – senza però approfondire troppo il discorso. Al momento non c’è ancora molto di concreto”.

Alberto Galuppo ai tempi della Cremonese

Alberto Galuppo ai tempi della Cremonese

Il calciatore originario di Reggio Emilia vanta 12 apparizioni in serie B con il Treviso ed un’ampia esperienza in Prima Divisione. Complessivamente per lui ben 129 presenze e 6 reti con le divise di Pisa, Pavia, Ancona, Venezia, Cremonese, Atletico Roma, Foligno, San Marino e Savona. In estate il difensore è già stato indirettamente protagonista del mercato, come conferma Giovanni Bia: “Il suo cartellino era in comproprietà tra il Siena ed il Parma ma anche in virtù della riforma che porterà alla cancellazione di questo istituto e della delicata situazione societaria dei toscani (che non a caso non si sono iscritti al prossimo torneo di serie B, ndc) di recente è stato riscattato dai ducali”. Il Parma ovviamente è pronto a cederlo in prestito per fargli maturare ulteriore esperienza e nonostante una serrata concorrenza anche di formazioni di categoria superiore, Galuppo potrebbe trasferirsi in riva allo Stretto: “Stiamo valutando varie ipotesi. Messina ovviamente può essere una destinazione gradita. Non rappresenta in alcun modo un problema l’eventuale ritorno in C unica. È una piazza che dà grandi stimoli e ritengo che il ragazzo sarebbe motivatissimo”.

Dopo gli acquisti di Paez, Bjelanovic, Benvenga, Izzillo e Nigro la rosa ha già raggiunto le dieci unità, dal momento che in precedenza erano stati riconfermati i vari Lagomarsini, Silvestri, De Bode, Pepe (rinnovata la comproprietà con il Chievo Verona) e Bucolo. C’è attesa per la definizione della posizione del bomber Corona, mentre il fatto che circolino numerose ipotesi per il ruolo di dodicesimo (su tutte l’ex Milazzo ed Avellino Terracciano) è la conferma indiretta che Iuliano dovrebbe arricchire invece la lunga lista di atleti destinati ad accasarsi altrove. Fino ad oggi hanno cambiato casacca Costa Ferreira, D’Aiello, Maiorano, Guerriera, Franco, Pagliaroli, Siciliano, Squillace, Zaine, Caturano, De Vena e Caiazzo, che nelle prossime ore dovrebbero essere imitati da Cucinotta, Quintoni, Simonetti, Bernardo e Buongiorno. Ignoffo ha lasciato invece il calcio giocato e guiderà dalla panchina i “Giovanissimi” del Benevento.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com