Betaland, Griccioli: “La grande intensità profusa in campo non è bastata”

Upea - Brindisicoach Griccioli cerca di incitare la sua squadra - Foto R. Fazio

Il coach di Capo D’Orlando ha parlato nel post-partita dopo il secondo ko consecutivo in casa contro Brindisi.

Giulio Griccioli, coach della Betaland Capo D’Orlando, ha parlato nel post-partita della gara persa contro Brindisi. Il suo volto non è cupo come quello di lunedì scorso contro Sassari. Ecco le sue dichiarazioni che rianalizzano la gara: “Abbiamo perso una gara giocata con grande intensità,” ha dichiarato. “Ci siamo adattati bene alle loro difese, sia quando si sono messi a uomo che quando hanno giocato a zona, ma abbiamo sbagliato dei tiri facili. Il metro arbitrale è stato un po’ troppo ondivago e da arbitri così esperti non me l’aspettavo. Poi nel finale siamo stati condizionati da alcuni episodi, alcuni tiri sbagliati e in difesa abbiamo sofferto la loro rapidità nel fare girare il pallone. Dispiace aver perso perchè non meritavamo di uscire sconfitti oggi. A livello di approccio non ho nulla da rimproverare ai ragazzi, hanno messo la giusta energia. Speriamo di essere più fortunati la prossima volta”.
Chi, invece, non fa nulla per nascondare la sua gioia in sala stampa, seppur con il proverbiale aplomb, è Piero Bucchi.
«Ancora una volta – ha esordito il tecnico di Brindisi – devo fare i complimenti ai miei giocatori. Da tempo siamo in emergenza, non abbiamo rischiato Reynolds e Scott, si è fatto male anche Harris, eravamo ridotti tanto che ho dovuto pure giocare con quattro lunghi. Malgrado tutto, subendo il rientro di Capo d’Orlando, non siamo apparsi stanchi nel finale avendo la giusta freddezza e la necessaria lucidità per portare a casa una vittoria di indubbia importanza per la nostra classifica».

Commenta su Facebook

commenti