Bergossi: “Per Citro contatti con Pagni ed altri cinque club di C. Se lascia Trapani…”

Nicola Citro

Il grande nome per il reparto avanzato del Messina continua ad essere quello di Nicola Citro, classe 1989, grande protagonista nell’ultimo triennio prima con il Città di Messina, con cui raggiunse la doppia cifra, sfiorando la rete nel derby di ritorno al “Celeste”, poi con il Real Marcianise, siglando addirittura 21 reti, ed infine con il Trapani, con il quale ha collezionato fin qui 9 presenze in serie B, firmando anche tre pesanti assist per i compagni e sfruttando le sue grandi doti sulla corsia, dove sa essere fatale con i suoi dribbling.

Citro celebra una delle 21 reti messe a segno con la maglia del Real Marcianise nell'ultima serie D

Citro celebra una delle 21 reti messe a segno con la maglia del Real Marcianise nell’ultima serie D

A confermare che il nome dell’attaccante è sulla lista della spesa del Messina è il procuratore Alberto Bergossi: “C’è l’interessamento del direttore sportivo Danilo Pagni, che mi ha chiamato diverse volte. Al momento non è ancora in uscita dal Trapani, che è contento del rendimento del ragazzo. Ma nel mercato vi sono sempre delle situazioni che potrebbero anche evolversi in modo positivo. Ovviamente in tal senso dovrebberoessere lo stesso calciatore ed il suo procuratore a spingere per l’eventuale cessione”.

La punta campana, classe 1989, è vincolata ai granata da un contratto che scadrà soltanto nel giugno del 2016 e lascerebbe quindi Trapani in prestito per sei mesi. Bergossi chiarisce che l’operazione potrebbe entrare nel vivo soltanto a fine mese: “Saranno determinanti le sfide che il Trapani giocherà con Pescara, Vicenza e Cittadella. Se non verrà mai impiegato potrebbe magari valutare le proposte alternative giunte dalla Lega Pro, anche se avrebbe voluto proseguire la scommessa avviata in estate, con il grande salto in serie B”.

Citro in gol con il Città di Messina

Citro in gol con il Città di Messina

Il Messina propone ovviamente la prospettiva di un impiego molto più costante, ma la concorrenza è serratissima in terza serie: “Essendo ancora in una fase embrionale delle trattative, con Pagni non abbiamo parlato dell’aspetto economico, anche se lui ha tenuto ad evidenziare che ovviamente Citro avrebbe un minutaggioelevato a Messina. Mi hanno chiesto informazioni di Nicola anche altre tre formazioni di prima fascia del girone C e due squadre del concentramento B”.

Nel gennaio 2014 l’allora ds Fabrizio Ferrigno avviò un’estenuante trattativa con il collega del Trapani Daniele Faggiano che, dopo un lungo tira e molla, consentì infine l’approdo in riva allo Stretto di Rocco D’Aiello, difensore centrale adesso protagonista a Matera dopo sei mesi molto positivi in riva allo Stretto. Nonostante la nutrita schiera di contendenti, il Messina sogna di bissare quell’operazione fortunata…

Commenta su Facebook

commenti