Auteri: “Previsti innesti in ogni reparto. Saremo pronti per le gare ufficiali”

Gaetano AuteriIl tecnico del Messina Gaetano Auteri (foto Riccardo Manai)

Il Messina ha sostenuto il primo test estivo nel ritiro di Roma, ottenendo indicazioni confortanti da un gruppo giovanissimo e rinnovato. Considerato che quattro over e l’under Distefano erano a riposo impossibile e superfluo effettuare valutazioni approfondite sulla prova offerta contro l’Unipomezia, che milita nell’Eccellenza laziale.

Nicolò Fazzi

Nicolò Fazzi in azione (foto Riccardo Manai)

Il tecnico Gaetano Auteri è concentrato esclusivamente sulla preparazione: “Questo periodo è dedicato soltanto al lavoro fisico. Giudicare queste partite davvero non conta, serve veramente a poco fare altre disamine. Nei primi quindici giorni di ritiro peraltro non sono affatto favorevole alle amichevoli, perché stiamo lavorando tanto: è importante piuttosto che nessuno si sia fatto male. Dovremo essere bravi a mantenere l’umiltà e la voglia di crescere”. 

L’ex allenatore del Pescara ha ribadito nuovamente che sta apprezzando l’atteggiamento dei tanti riconfermati: “Posso dire che in questi giorni sono moderatamente soddisfatto dell’approccio, dell’attenzione, della disponibilità messa da alcuni calciatori che fanno parte del gruppo dell’anno scorso. Anche se alcuni come Catania si sono aggregati qualche giorno dopo ai compagni. Ci sono qualità importanti che è molto difficile fare emergere adesso”. 

Lamine Fofana

Lamine Fofana tra gli elementi più attesi (foto Riccardo Manai)

Quanto tempo servirà a Gaetano Auteri per plasmare il suo primo Messina? Coppa Italia e campionato sono troppo vicine ovviamente e soprattutto la prima rappresenterà un ulteriore test di avvicinamento. “Non andiamo troppo in là perché capite benissimo che siamo in divenire. Siamo allo stato embrionale. Ci sono giocatori nuovi che arrivano e altri che vanno via. Dobbiamo lavorare e perseguire un obiettivo. Squadre al massimo alla prima di campionato non ce ne saranno e non è un discorso limitato al Messina. È molto difficile essere subito al top. Noi come altre squadre arriveremo nelle condizioni migliori ai primi impegni ufficiali“. 

Il telefono del direttore sportivo Marcello Pitino è rovente e in ritiro si assiste anche a una processione di procuratori. Temi sui quali Auteri preferisce non entrare: “Non amo parlare di mercato. Sappiamo quello che ci serve e piano piano lo faremo. Come ho già detto nella conferenza stampa di presentazione in questo torneo dobbiamo mettere le fondamenta. Dovremo andare a prendere giocatori giusti e adeguati. Se magari arriveranno tra dieci giorni ne cercheremo di più pronti e allenati. Di elementi dobbiamo inserirne in tutti i reparti. Abbiamo una buona base, non dovremo avere fretta”. 

Davis Curiale

Davis Curiale in azione con la maglia del Catanzaro

Sembra ormai ad un passo la firma dell’esperto Davis Curiale, 34enne che l’anno scorso ha realizzato quattro reti nel girone di ritorno con la Vibonese e che nella sua lunga carriera ha superato le 420 presenze e le 110 reti. Catanzaro, Catania (quando fu capocannoniere del girone C con 15 gol), Lecce, Frosinone, Grosseto e Crotone soltanto alcune delle maglie indossate. Si lavora alla definizione della posizione di Diego Zuppel, attaccante 2002 di proprietà dello Spezia, che vanta già 14 apparizioni e due reti in C con l’Arezzo, dopo i primi passi nel vivaio del Perugia. La posizione di Daniele Trasciani, destinato al ritorno a Messina a distanza di qualche mese al pari di Angileri, si chiarirà invece dopo la pronuncia del Tar sul Lazio sul ricorso del Teramo, club che ne detiene il cartellino.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma