Adecco Gold – Ferentino stoppa l’ascesa dell’Upea, Trento riallunga in testa

Giocatori e staff dell'Upea ringraziano per il sostegno i propri fans al seguito

Dura una sola settimana il primato per l’Upea Orlandina che nell’anticipo della diciannovesima giornata del torneo Adecco Gold è sconfitta per 78-76 sul parquet dell’FMC Ferentino, mentre nell’altro anticipo l’altra capolista Trento torna al successo (89-76 su Forlì) e stacca i paladini in classifica.

Per la “banda Pozzecco” si esaurisce così dopo sei vittorie, la seconda lunga striscia positiva della compagine di Capo d’Orlando che dovrà metabolizzare in fretta la sconfitta maturata nella seconda parte dell’ultimo periodo visto che già mercoledì sera tornerà in campo: al “PalaFantozzi” si disputerà il sentito derby con la Sigma Barcellona (impegnata domenica a Trapani).

Dominique Archie a canestro

Dominique Archie a canestro

Il piglio dell’Upea è buono e per ampi tratti ha condotto i giochi con personalità, seppur soltanto di una manciata di punti, cedendo nel finale pagando dazio ad errori e un appannamento finale forse prevedibile con una gestione delle rotazioni più oculata specie per Archie e Mays.

Del resto una sconfitta giunta su un testa a testa finale, simboleggiato dai numeri, è testimonianza di un sostanziale equilibrio in cui sono i piccoli episodi e quel pizzico, sempre necessario, di fortuna a decretarne l’esito.

L’avvio di gara è promettente Nicevic e Soragna trovano subito la retina, ma deve assistere al ritorno del quintetto ciociaro di coach Gramenzi (e del vice “orladino doc” Origlio) che nella seconda parte del primo quarto riesce a trovare l’allungo (+6) con una tripla di Pierich.

Giocatori e staff dell'Upea ringraziano per il sostegno i propri fans al seguito

Giocatori e staff dell’Upea ringraziano per il sostegno i propri fans al seguito

L’Upea, però, ricuce lo strappo firmando il riaggancio (20-20) ad un minuto dalla sirena. Il finale è concitato Green e Cefarelli firmano gli ultimi canestri con il periodo che si sul 25-22.

Si riprende e i padalini riescono persino a ritornare avanti grazie alla freschezza di Laquintana, ma è poi l’esperienza di Ferentino con “bombe” pesanti dall’arco di Giuri e Green a valere il controsorpasso. La gara cresce di intensità, Basile guida la difesa e i paladini trovano un parziale favorevole di otto punti che li riportano avanti nel punteggio a poco più della metà della frazione che poi si chiuderà sul punteggio di 41-43.

Al rientro il copione della sfida sembra ricalcare quello del precedente, l’Upea si muove bene e detta legge sui due lati del campo ed alla sirena del terzo conduce per 60-66. Gli atleti paladini commettono l’errore di considerare troppo precocemente vinta la sfida e per certi versi la tripla di Archie che vale il +9 può ritenersi il “canto del cigno” per il quintetto di coach Gianmarco Pozzecco.

L’ala statunitense, fin lì un fattore determinante, accusa un momento di black-out e tra falli e palle perse apre la via al ritorno di Ferentino trascinata dalle giocate di Green ed aggancio che si concretizza al 72-72. L’ex Casale non è sazio e poco firma anche il successivo sorpasso dei locali con poco più due primi ancora sul cronometro.

Time Out Upea

Time Out Upea

Inizia qui una nuova gara, a nulla servono i time out del Poz per spronare i suoi. Si gioca sui nervi punto a punto, decisiva si rivela la tripla di Guarino che alza la soglia, e Bucci ricorre al fallo con Nicevic che realizza entrambi i liberi (con la sensazione che volesse fallire il secondo) e il successivo fallo speso dai paladini manda Garri in lunetta, dentro uno, sbagliato l’altro, ma il cronometro corre più veloce decretando il successo di Ferentino che conquista un nuovo prestigioso scalpo illustre.

«Voglio dire subito due cose – commenta coach Gianmarco Pozzecco a fine gara nella sala stampa del PalaSport di Ferentino – i mie ragazzi sono favolosi. Anche oggi hanno dimostrato di esserlo e sono grato a loro immensamente. Contro una squadra come Ferentino in questo momento, si sono difesi e hanno dato l’anima per me e per Capo d’Orlando. Avevano di fronte gente con attributi immensi come Guarino che ha messo la tripla che ha deciso la gara. Abbiamo avuto un viaggio faticoso, ma i miei hanno lasciato sul parquet tutto quello che avevano».

TABELLINO:

FMC FERENTINO-UPEA CAPO D’ORLANDO 78-76

Parziali: 25-23; 16-20; 19-23; 18-10;

FMC Ferentino: Guarino 11, Bucci 7, Pierich 23, Green 21, Mosley 5, Garri 3, Paesano, Giuri 8, Parrillo, Duranti ne. All: Franco Gramenzi.

Upea Capo d’Orlando: Soragna 8, Nicevic 21, Portannese 8, Mays 4, Archie 21, Basile 3, Laquintana 6, Benevelli 2, Ciribeni, Cefarelli 3. All: Gianmarco Pozzecco

Arbitri: Paolo Cherbaucich, Federico Brindisi e Saverio Barone.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com