Addio a Carlo Mazzone. La Lega Pro: “Un allenatore simbolo del calcio italiano”

Carlo MazzoneCarlo Mazzone

Si susseguono i messaggi di cordoglio del calcio italiano per la morte di Carlo Mazzone, scomparso all’età di 86 anni. Romano (era conosciuto con il soprannome di Sor Carletto o Sor Magara per via del caratteristico e spiccato accento romanesco), iniziò ad allenare portando l’Ascoli dalla C alla A (1974), prima di tornare a guidare i bianconeri dal 1980 al 1984. Mazzone è stato anche l’allenatore di Fiorentina, Catanzaro, Bologna, Lecce, Pescara, Cagliari, Roma, Napoli, Perugia, Brescia e Livorno, entrando nel 2019 a far parte della Hall of Fame del calcio italiano.

“Salutiamo una vera e propria icona del calcio italiano – afferma il presidente della FIGC Gabriele Gravina – un uomo animato da valori e principi profondi, un allenatore preparato, coraggioso e appassionato. Ha inventato uno stile unico incarnando, allo stesso tempo, serietà e umanità. Non lo dimenticheremo”. Per ricordarlo la FIGC ha disposto un minuto di raccoglimento da osservare prima dell’inizio delle gare di tutte le competizioni in programma nel weekend, compresi i posticipi di lunedì.

Di seguito la nota della Lega Pro: “Carlo Mazzone è stato allenatore simbolo del calcio italiano. Record di panchine in Serie A, per lui oltre trecento partite in Serie C con l’Ascoli da calciatore e guida tecnica. La Lega Pro si unisce commossa al cordoglio della famiglia e di tutti i tifosi italiani”.

Autori

+ posts

MessinaSportiva.it è stato fondato nel 2005 da Francesco Straface. Nato da una costola di un portale creato nel 2002 per seguire la Pallacanestro Messina, matricola in serie A1 maschile, ha sempre seguito con attenzione il calcio cittadino, dando però spazio a tantissime realtà, anche le meno conosciute. Rappresenta ormai un punto di riferimento per gli sportivi di città e provincia