L’Acr Messina supera 1-0 la “Primavera” della Salernitana. Decide Garofalo

SalernitanaLa Salernitana "Primavera" in campo, l'Acr Messina è appena sceso dal pullman

Va in scena a Roccadaspide la terza amichevole estiva per l’Acr Messina, opposto alla formazione “Primavera” della Salernitana, un club sempre più vicino ai peloritani, come dimostrano i prestiti di Mariani, Giofrè, Bellopede e Crisci ma soprattutto la consulenza esterna del direttore sportivo granata Angelo Mariani Fabiani. Presente a bordo campo anche l’ex attaccante Emanuele Calaiò, responsabile del settore giovanile della Salernitana, a Messina nel 2002-03 e fratello di Umberto, procuratore di Bollino, ultimo colpo di mercato chiuso dalla società di Sciotto e Del Regno. L’ex attaccante della Sicula Leonzio si è allenato a bordo campo insieme all’altro neo-acquisto Cretella.

Calaiò e Cutroneo

L’ex attaccante del Messina Emanuele Calaiò e il massofisioterapista Carmelo Cutroneo

Il centro campano dista un’ora da Polla, quartier generale giallorosso. Come nelle precedenti uscite, mister Raffaele Novelli propone due undici differenti, per garantire un minutaggio equilibrato a tutti gli elementi a disposizione. Ancora assenti Addessi e Arcidiacono, che avevano già saltato le prime due amichevoli con Pro Sala e Brienza.

Per entrambi sarà ancora necessario qualche altro giorno di riposo: in particolare si monitorano le condizioni dell’ex Cavese. Non era in distinta neppure Cascione. Sono invece rientrati a Messina Barbera e Zappia, che non faranno parte quindi della rosa della prima squadra.

Nel primo tempo, come era logico attendersi, nonostante i sei under in campo dal primo minuto (due in più di quanto imporrebbero i regolamenti di serie D), netto predominio dei peloritani, che però vedono più volte Campisi ergersi protagonista. L’estremo difensore granata mantiene la propria porta imbattuta, mentre Lai non viene mai impegnato dagli attaccanti avversari. Poco prima dell’intervallo l’avvicendamento tra Mpanda e Villa.

Presti, Arena, Bucolo, D'Amico e Garofalo

L’under Nino Garofalo, qui con la maglia del Milazzo, è il primo da destra

In avvio di ripresa il punteggio si sblocca subito: è l’under Nino Garofalo, in precedenza in forza alla Promosport, al Milazzo e all’Igea, ad andare a segno, come aveva già fatto nella ripresa del test con il Brienza. Il classe 2001, che nasce difensore ma ora è stabilmente schierato in posizione offensiva, è tra le piacevoli rivelazioni del ritiro pre-campionato e va vicino alla doppietta personale con un pallonetto, che si stampa però sulla traversa.

Poi è Barone a ergersi protagonista, con altri interventi provvidenziali.  Nel finale fa il suo esordio stagionale Mariani, che aveva saltato le precedenti due amichevoli. Dopo le ventidue reti messe a segno nei primi due test, l’Acr deve accontentarsi dell’unica marcatura del suo under. Ci sarà tempo per fare ulteriori progressi, anche perché il via del campionato potrebbe slittare al 4 ottobre, dopo il “pasticcio” della Figc sulla sentenza relativa alla presunta combine in Picerno-Bitonto, due club che potrebbero così perdere il professionismo.

Nino Garofalo

Nino Garofalo con la maglia dell’Igea 1946

Acr Messina-Salernitana “Primavera” 1-0 
Marcatore: 2′ st Garofalo.
Acr Messina primo tempo: Lai; Mazzone, Boskovic, Lomasto, Giofrè; Aliperta, Vacca, Crisci; Mpanda (43′ pt Villa), Foggia, Bartolotta. Secondo tempo: La Cagnina (34′ st Mariani); Izzo, Mancuso, Bellopede, Monteleone; Lavrendi, Cristiani, Bossa; Saindou, Garofalo, Villa. Allenatore: Novelli.
Salernitana “Primavera” primo tempo: Campisi, Malangoni, Gambardella (K), Vignes, Di Micco, Piervenanzi, Idioma, Pezzo (VK), Palmieri, Arena, Guida. Secondo tempo: Barone, Esposito, Perrone, Bruschi, Russo, Visconti, De Iorio, Panarese, Dragone, Dommarco, Giliberti. Allenatore: Rizzoli.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva