A Bordonaro torna “U Pagghiaru”, l’intramontabile albero della cuccagna

PagghiaruA Bordonaro torna "U Pagghiaru", l'intramontabile albero della cuccagna (foto Messinaweb.eu)

Dal 3 al 7 gennaio torna un grande classico della tradizione festiva messinese, “U Pagghiaru”, in programma a Bordonaro. Si tratta principalmente, nella forma odierna, di un albero della cuccagna. La sua origine risale all’XI secolo, introdotto dai Padri Basiliani che portarono dall’Armenia l’uso di festeggiare, il giorno del Battesimo del Signore, con riti solenni celebrati sotto un grande albero a forma di capanna. Il giorno della festa dell’Epifania, il Parroco del villaggio, dopo avere celebrato la Santa Messa, si avvia seguito da una grande folla di gente, verso lo spiazzo dove è stato eretto “U Pagghiaru”, affiancato da suonatori di zampogna.

Pagghiaru

La tradizionale scalata al “Pagghiaru” (foto Gazzetta del Sud)

Per consentire lo svolgimento della manifestazione sono state disposte limitazioni viarie. Dalla mezzanotte di martedì 3 gennaio alle 16 di mercoledì 4; dalle 6 alle 16 di giovedì 5; e dalla mezzanotte di venerdì 6 alle 10 di sabato 7 saranno pertanto vietati la sosta ed il transito veicolare in via Cianciolo, nel tratto compreso tra piazza Chiesa S. Maria delle Grazie e via Comunale Bordonaro. Dalle 6 alle 20.30 di venerdì 6, sosta e transito veicolare saranno interdetti nell’area del capolinea ATM adiacente a via Bertuccio, antistante la chiesa di S. Maria delle Grazie, garantendo l’accesso veicolare alla strada limitrofa.

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.