Vincenzo continuerà a vivere: donati gli organi dello sfortunato nuotatore

Avrebbe compiuto 52 anni ad agosto Vincenzo Saja, il paziente che questa notte al Policlinico G. Martino ha donato i suoi reni e il fegato. Una morte per emorragia cerebrale che regala speranza ad altre persone in lista d’attesa.

Un gesto di solidarietà reso concreto dalla famiglia e in particolare dalla figlia Dara, che ha dato il suo assenso e ha voluto fortemente che la storia del papà potesse essere raccontata: “Lui era un buono – ha detto Dara –  sarebbe stato di certo d’accordo per la donazione”.

Vincenzo Saja 2Da sempre nel settore della ristorazione, Vincenzo Saya, messinese, era un amante dello sport, in particolare del nuoto; aveva infatti partecipato a molte traversate sullo stretto ottenendo spesso ottimi risultati. Da qualche tempo aveva un po’ rallentato i ritmi, ma la voglia di raggiungere nuovi traguardi lo ha sempre accompagnato, animato da grande positività. Sul suo profilo Facebook, tantissimi i messaggi di cordoglio da parte degli amici che non dimenticheranno mai “Lo squalo“, come amavano definirlo.

L’équipe proveniente da Palermo e Catania ha concluso le operazioni di prelievo questa mattina, intorno alle 7,30. Il fegato e un rene sono andati all’Ismett di Palermo, mentre l’altro rene al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania.

Un grazie particolare, al donatore e alla sua famiglia, che anche l’azienda Policlinico vuole esprimere per la grande sensibilità dimostrata.

A seguire il processo che dalla donazione conduce al prelievo è stato come sempre il Coordinamento per la Donazione e il Trapianto di Organi dell’azienda ospedaliera universitaria, diretto dal dott. Francesco Puliatti e dalla referente dott.ssa Olivia Penna.

Attività, quelle portate avanti dal coordinamento locale che ben si inseriscono in una visione aziendale che di certo mira a promuovere e incentivare  la cultura della donazione. Un atto d’amore, quello di Vincenzo, in linea con una vita orientata a raggiungere traguardi;  quest’ultimo adesso consente ad altri di ripartire.

L’ultimo saluto allo “squalo” sarà domani, giovedì 17 luglio, alle 16 e 30 presso la Chiesa di Torre farò.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com