Versienti: “Messina arriva dopo tanta gavetta. Un onore lavorare con Auteri”

Leandro VersientiL'esterno offensivo del Messina Leandro Versienti

L’esterno Leandro Versienti è uno dei nuovi over tesserati dal rinnovato Messina. Per lui una lunga militanza in formazioni pugliesi: un’ottantina di presenze e sette reti a Nardò, 27 apparizioni e due gol a Casarano, 37 gettoni e una rete a Taranto.

Balde

Il controllo acrobatico di Balde (foto Francesco Saya)

Il calciatore originario di Campi Salentina si è presentato ai microfoni dell’ufficio stampa del club: “Sono un ragazzo di 25 anni che viene da un percorso calcistico abbastanza complesso. Ho fatto tanta gavetta, nelle categorie inferiori. Da due anni sono nei professionisti, il mio obiettivo è quello di cercare di fare sempre meglio per mantenere la categoria e tentare di salire ancora”.

Il calciatore pugliese ha voglia di confermarsi ed emergere: “È un piacere essere qui, Messina è una piazza blasonata, importante, con tanta storia. Il direttore Pitino mi conosceva, il mister no. Ho cercato di mettermi in mostra nei primi giorni di ritiro, ci sarà modo di farlo anche in futuro. Auteri non ha bisogno di presentazioni, per me è un onore lavorarci ed essere a sua disposizione. Cercherò di ripagare la fiducia che mi hanno dato sul campo”.

Daniele Cinelli

Il vice allenatore del Messina Daniele Cinelli (foto Francesco Saya)

Il gruppo è stato rinnovato con sei nuovi under ma sono attese almeno altrettante operazioni in entrata, con i nomi caldi rappresentati ad esempio da Trasciani e Curiale. Versienti è consapevole che il Messina cambierà volto: “Sono i primi giorni di lavoro dopo il ritiro di Roma. Siamo all’inizio, il percorso è ancora lungo. Ci stiamo mettendo sotto, per cercare di farci trovare pronti fin dall’inizio. Siamo ancora in fase di costruzione, sicuramente arriveranno altri calciatori. Ci saranno ulteriori modifiche nella rosa, la squadra è ancora molto giovane. Sarà un campionato lungo e difficile”.

Versienti ha chiuso l’ultima stagione da avversario, il 10 aprile, nel match vinto dai peloritani grazie a una rete di Rizzo, che consegnò comunque la permanenza anche agli ospiti: “Messina-Taranto era una partita delicata per entrambe e lo dimostrava l’atmosfera che si respirava allo stadio. Abbiamo lasciato i tre punti però quel giorno fu positivo per entrambe. L’appetito vien mangiando, poi vedremo”.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma