Stracuzzi: “È mancato solo il gol”. In arrivo due sponsor, incontro con Lo Monaco

Natale StracuzziIl presidente Stracuzzi

 

La prima sconfitta è arrivata soltanto alla nona giornata, decisamente più tardi rispetto a quanto il Messina avesse messo in preventivo dopo un’estate terribile, che sembrava il preludio ad un avvio di stagione di sofferenza. Invece sul campo il gruppo di Arturo Di Napoli ha stupito tutti ed anche a Foggia non ha affatto demeritato, a dispetto dello 0-2 conclusivo. Il presidente Natale Stracuzzi non fa drammi: “Non eravamo abituati a commentare un risultato negativo. Ad ogni modo chi ha visto la partita ha apprezzato il modo in cui abbiamo giocato, creando tante occasioni, alcune clamorose. Purtroppo è mancato soltanto il gol. Sono amareggiato proprio per le occasioni non sfruttate”.

Per frenare l‘attacco del Foggia non è bastato neppure Martinelli

Per frenare l‘attacco del Foggia non è bastato neppure Martinelli

Il match avrebbe potuto avere un’altra storia senza la partenza ad handicap: “È nata storta, con il grave e banale errore commesso dalla difesa. Abbiamo avvertito la tensione eccessiva e consegnato un pallone d’oro all’avversario. Sono rimasto letteralmente congelato, quel gol a freddo in apertura ci ha condizionato”.

A confortare è comunque la volitiva reazione del gruppo: “Poi ci siamo ripresi alla grande, contro un avversario molto veloce, di grande spessore. Abbiamo disputato un bel primo tempo, senza sfigurare o demeritare. Peccato per la chance non concretizzata da Gustavo, che a tu per tu con il portiere sembrava destinato a siglare l’1-1. Doveva forse essere più freddo e cercare il palo opposto, ma pazienza”.

Il vero cruccio è rappresentato dall’emergenza in attacco, che si rinnoverà almeno in parte anche a Melfi: “Ci manca l’uomo che faccia il gol. Tavares e Gustavo hanno problemi fisici e Padulano è ancora fuori, non ce la farà neppure per il prossimo week-end. Speriamo di averlo a disposizione almeno contro il Catania, anche perché dà movimento e mette scompiglio nelle difese avversarie. Fortunatamente Cocuzza rientrerà dopo l’infortunio. Ci ho parlato e finalmente avverte sensazioni positive”.

L'ingresso di Tavares per Gustavo

L’ingresso di Tavares per Gustavo

La mancanza di alternative in avanti non fa comunque rima con mercato: “In questo momento potremmo pescare soltanto tra gli svincolati, una finestra che sinceramente non offre nulla. Avremmo bisogno peraltro di un giocatore di spessore, semplicemente per colmare le assenze, perché siamo soddisfatti degli atleti già in organico”.

Ad ogni modo non è certo il tempo dei processi. Anche la sfida dello “Zaccheria” ha trasmesso nuova fiducia e consapevolezza: “La difesa ha sofferto un po’ ma ad un elemento come Martinelli, di categoria superiore, non si può certo addebitare qualcosa. Potrebbe iniziare a pesare anche la mancanza di una preparazione atletica adeguata. Ad ogni modo il gruppo è competitivo ed i ragazzi hanno grande voglia. Partivamo per pensare solo alla salvezza e siamo in una posizione di classifica decisamente tranquilla”.

L’attuale piazzamento play-off sembrava una chimera nel passato torneo e Stracuzzi non vuole spegnere l’entusiasmo della piazza: “Guardiamo già alla prossima partita e speriamo di tornare a fare risultato. Siamo tutte lì in classifica ed il campionato è lungo. Restiamo con i piedi per terra ma possiamo sognare, nessuno ce lo vieta. Anzi dobbiamo goderci questo momento e pensare in grande, per assicurarci un futuro radioso”.

Padulano ci prova dal limite dell'area

Padulano in azione contro il Cosenza. L‘esterno offensivo salterà anche la sfida con il Melfi

Sul fronte sponsor è attesa la firma con due aziende, una della provincia ed una attiva invece anche nel Nord Italia, mentre è sfumato l’accordo con un terzo potenziale partner: “Sono senza parole: avevamo parlato con l’area marketing di una società messinese che però sta già sponsorizzato una squadra calabrese di pallacanestro e quindi non può impegnarsi oltre. Attendiamo una risposta a breve da due aziende, che vorremmo fare comparire entrambe sulle nostre maglie. Cercheremo di studiare qualche soluzione utile per affiancare a questi marchi anche il nome dell’associazione messinese “Donare è Vita” – Corrado Lazzara Onlus, che sfoggiamo sulla divisa ormai da un mese e mezzo”.

Qualcosa si muove anche per ciò che concerne le questioni legate all’utilizzo del marchio “ACR” ed all’abbattimento del passivo ereditato dalla nuova proprietà: “Stiamo lavorando in tal senso e giovedì dovremmo incontrare Pietro Lo Monaco”. A fornire maggiori dettagli in merito è l’avvocato Giovanni Villari, che scorterà il presidente a Catania: “Abbiamo fissato un faccia a faccia al quale sarà presente anche Isidoro Torrisi, già commercialista del club. In società sono pervenute altre richieste di pagamento e le verifiche che abbiamo effettuato danno un quadro diverso rispetto a quello che venne certificato all’atto della cessione”.

messaggio pro donazione sulla maglia del Messina

Il messaggio a favore della donazione degli organi che compare sulla maglia del Messina potrebbe presto essere affiancato da due sponsor

Le responsabilità non sono comunque limitate ad una singola gestione societaria: “I debiti sono superiori a quanto emerso in precedenza ma va detto comunque che i 700.000 € ai quali si era fatto riferimento in passato erano un saldo tra le passività e l’attivo. Il problema è che molti di questi crediti non sono ancora incassabili e bisogna avviare delle azioni per provare a riscuoterli. Alcuni creditori non sono stati soddisfatti da proprietà ancora precedenti, motivo per il quale abbiamo chiamato in causa anche il consiglio di amministrazione ed il revisore dei conti”.

Commenta su Facebook

commenti