Siac, Ravidà: “Dispiace non essere in A2, puntiamo a un campionato da protagonisti”

Il presidente Ravidà osserva i suoi

Con la pubblicazione dei gironi è ufficialmente scattata la stagione del futsal nazionale. La Siac del presidente Marco Ravidà, sfumato il sogno della partecipazione all’A2, è stata confermata nel girone H di Serie B, lo stesso dello scorso anno, composto da 10 squadre siciliane e da 3 calabresi, il Catanzaro, la Futura Rc e l’Ecosistem Lamezia, queste ultime due già affrontate dai peloritani nel passato torneo.

Il presidente Marco Ravidà (SIAC)

“Sarà un’annata dura ed impegnativa, perché non siamo più una matricola. Non abbiamo più scusanti e quest’anno l’obbiettivo è disputare un campionato da protagonisti” afferma il presidente Ravidà.

“Il girone è abbastanza tosto – prosegue il massimo dirigente della Siac – vedo un filo avanti Futura e Pro Nissa, ma ancora è troppo presto per esserne certi. L’ampliamento dell’organico dirigenziale e l’essere una società solida ci aveva portato a fare richiesta per la serie A2, categoria che è poi sfumata proprio all’ultimo istante. Siamo stati la prima delle non ammesse, tra le 12 richieste presentate gli unici ad essere rimasti fuori. Dispiace non aver potuto regalare una categoria così ambita ai nostri tifosi e che avrebbe fatto compiere un ulteriore salto di qualità al futsal cittadino. Non abbiamo, però, nessun rimpianto, anzi siamo felici di disputare un campionato nazionale e ancora più agguerriti per dimostrare quanto valiamo”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva