Serie D – L’Orlandina resiste un tempo, poi cede alla capolista Savoia

Stendardo contrasta Frisenda in una sfida tra Orlandina e Savoia

Debutto amaro per mister Angelo Galfano sulla panchina dell’Orlandina sconfitta sul campo della capolista Savoia nel ventiquattresimo turno del Girone I della Serie D.

Strappare un risultato favorevole al “Giraud” di Torre Annunziata anche in condizioni normali sarebbe stato un’impresa e non a caso tra le mura amiche la squadra di mister Feola ha sempre vinto legittimando il primato stagionale che la proietta verso la Lega Pro.

Duello Frisenda-Stendardo all'andata

Duello Frisenda-Stendardo all’andata

Condizioni normali che non sono quelle con cui la squadra di Capo d’Orlando si è presentata in Campania: reduce da tre sconfitte consecutive di cui due interne con Città di Messina e Rende, senza vittorie da sei turni, con un tumultuoso cambio di guida tecnica a metà settimana tra le proteste anche degli stessi calciatori e non poche polemiche con la società.

Per di più Galfano deve rinunciare a tre elementi che costituiscono la “dorsale” della squadra per squalifca (Fascetto, Privitera e Marasco), fuori per infortunio (Orioles, Russo e Crinò), e nel riscaldamento perde pure il giovane estremo difensore Galipò sostituito da Caserta, debutto per dal primo minuto per l’ultimo arrivato Maresca.

Il primo tempo si gioca sui ritmi bassi, ma alla prima occasione, a metà della frazione, il Savoia ottiene un rigore per un intervento di Ignazzitto su Scarpa che dagli undici metri sigla il vantaggio dei biancoscudati (23′).

Martusciello in azione nella gara d'andata con il Savoia

Martusciello in azione nella gara d’andata con il Savoia

La reazione paladina non si fa attendere, e sul finire del primo tempo Martusciello pesca in area Frisenda che elusa la marcatura dei difensori supera di testa l’estremo Maiellaro (42′).

Altro piglio nella ripresa il Savoia, subito proiettato a chiudere la contesa. Come all’andata l’uomo della svolta si rivela Del Sorbo, allora con gli assist, questa volta il centravanti-boa firma una doppietta (13′ e 17′) prima correggendo in rete una punizione di De Liguori e poi raccogliendo un assist di Tiscione.

L’attaccante siciliano, ex Città del Messina, al 28′ ha l’occasione per siglare il poker guadagnandosi un nuovo rigore in favore del Savoia, ma questa volta la conclusione è intuita da Caserta che in più momenti con i suoi interventi ha evitato un passivo peggiore. La classifica, però, ora è diventata complicata con una serie di gare impegnative all’orizzonte.

Tabellino:

SAVOIA-ORLANDINA 3-1

Marcatori: 23′ rig. Scarpa, 42′ Frisenda, 58′ e  62′ Del Sorbo.

Savoia: Maiellaro, Petricciuolo, Panariello, Terracciano, Stendardo, De Liguori, Gargiulo, Tiscione (81’ Criscuolo), Scarpa (77’ Longo), Del Sorbo, Meloni (62’ Bizzarro). All.: Feola.

Orlandina: Caserta, Ignazzitto (46’ Calderone), Di Bella, Maresca (81’ Spadafora), D’Angelo, Leo, Martusciello, Gatto (72’ Aloe), Frisenda, De Cristofaro, Mincica. All.: Galfano.

Arbitro: Serani di Foligno.

Assistenti: Spadi e Migliaccio di Roma.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com